Poesie scelte da Scrivere.info

Violini d’autunno

Giuseppe Mauro Maschiella

Natura

La musica allegra
brillante ed effimera
delle cicale e della primavera
vola lontano cercando
il suo nido perduto
nelle meste note dei violini d’autunno,
toccanti melodie
che annunciano la morta stagione
e feriscono il cuore.

Gli alberi piangono le
loro foglie ingiallite,
che cadendo a terra
sono marcite.
Fiuto nell’aria un
senso di tristezza
e di partenza, mi
sento addosso lo
sguardo del tempo.
Ingialliscono le mie foglie
alcune sono già cadute
e mi parlano tutte
di cose perdute.
Ho tutto l’autunno
dentro di me,
son svelate
tutte le illusioni
della primavera e
le bugie dell’estate,
e non bramo
i colori primaverili
che di vita accecano,
ma poi tradiscono.

Vago nel bosco,
è di foglie rosse e
poi gialle cosparso
il viale del
cammino autunnale,
il sole illumina
rami spogli
ed io rammento
remoti giorni.
Più non rincorro
vane illusioni
su questa ocra terra
di foglie pestate
di nudati tronchi
di braccia stecchite.
Come piaga remota,
il sibilare del vento
mi ricorda l’ultimo
uccello volato via,
un treno che passa,
la vita che va.

Giuseppe Mauro Maschiella | Poesia pubblicata il 18/02/19 | 3050 letture| 2 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giuseppe Mauro MaschiellaPrecedente di Giuseppe Mauro Maschiella >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


2 commenti a questa poesia:
«Malinconia che coinvolge... immagini e metafore che si nutrono di sentimento... linfa vitale per le emozioni che nascono da un cuore sensibile. Sentire l’autunno dentro il proprio petto... la tristezza per le cose perdute... rendersi conto delle illusioni e delle tante bugie che la bella stagione ha lasciato in dono. Ma nonostante tutto la vita non si ferma... vita che non può ascoltare la voce di un’anima triste... anima che dipinge respiri e sospiri, illusioni svanite e ricordi del passato... un testo che coinvolge e commuove»
Giacomo Scimonelli

   «anche il nostro autunno può essere bello,
ricco di profumi e colori
basta sentirli nel cuore
in tutto il loro splendore .
elogi di cuore
i suoi bei colori»
Stefana Pieretti


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Giuseppe Mauro Maschiella ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 10 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Cosi io ti amo (12/02/19)

L'ultima poesia pubblicata:
 Tutto passa (15/12/20)

Una proposta:
 Estate (20/04/19)

La poesia più letta:
 Cosi io ti amo (12/02/19, 5504 letture)

  


Giuseppe Mauro Maschiella

Giuseppe Mauro Maschiella

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giuseppe Mauro Maschiella Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2022 Scrivere.info