Poesie scelte da Scrivere.info

Me schiaffe Napule (Mi metti Napoli nelle canzoni)

Peppe Cassese

Dialettali

Me schiaffe Napule int ‘e canzone
int’a stu spasso ca è tiempo latrone!
Cante e nun siente ‘e lamiente d’a gente
ca sconta ‘a vita spartuta c’o niente
e ‘nchietta ‘o juorno caino e cartaro
s’assecca ‘a mano cercanno riparo
e va perdenno ‘ntramente na luna
ca scenne e saglie e nun penza a nisciuno.

Me ‘nfile Napule int’e canzone,
‘ntunanno ‘e solite tre jacuvelle:
sole, passione e femmene belle...
e po’ te scuorde ‘a paura ‘e na mamma
ca pe’ nu figlio è turnata a fa ‘a famma,
e po’ annascunne ‘e turmiente ‘e na sciorta
ca va sfrattanno chest’aria sfruntata
ca pe ‘ntramente se ‘nchiova addò è nata.

M’ammuolle Napule int’e canzone...
nu sole giallo spugnate ‘e mulliche
nu cielo sfatto ca è privo ‘e scarfa’,
nu core antico ca sbatte p’e viche
cercanno storie ca ponno ‘mbriaca’
duie uocchie nire abbampate a fa l’ore
ca stanno appise a sti file cu ‘e panne
e ca sti vracce so’ pronte a ‘nzerra’.

Me ‘mpizze Napule int’e canzone
ma nun’e sente né ‘e voglio senti’.
Ie nun t’e canto, ie nun t’e sono...
Voglio surtanto ogne tanto capi’
pecché cu l’onne nun cagne ‘o mutivo
e nun me cante: " Ie sto bbuono accussì,
cu chesta vita ca ha perzo a’ speranza,
cu chesta rraggia ca volle int’a panza,
cu sta città ca accisa ‘e fatica
chiù nun s’addorme e te scaca ‘a furmica."

Me miette Napule int’e canzone
e mente cante s’addorme ‘o penziero
ca int’o suonno se sente ‘e danna’
pe chisti guaje ca vulesse sfratta’.

M’ammuorbe Napule cu sti canzone
e allora... cante e nun cagna’ strata
cu tanta ‘a freve, cu tutt’a passione:
basta ca schiatta sta mala nuttata!

Peppe Cassese | Poesia pubblicata il 14/07/13 | 7860 letture| 1 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Peppe Cassese
 

Nota dell'autore:

«In lingua napoletana, l’autore invita il lwttore a conoscere Napoli e la napoletanità, in modo più approfondito, e non soffermarsi sui soliti canoni,
cotti e stracotti di luoghi comuni.
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

0000

1 commenti a questa poesia:
«La poesia mi trova d'accordo per un duplice motivo, linguistico e contenutistico. Finalmente (diciamo che ciò avviene nel dieci per cento dei casi) ci troviamo davanti ad una poesia ben scritta, che rispetta le regole del lessico e dell'ortografia del dialetto napoletano. E il secondo motivo è forse ancora più importante: ci troviamo di fronte ad una poesia che finalmente si scaglia contro gli stereotipi dei più sorpassati e ridicoli cliché di una tradizione napoletana malamente intesa, contro un mondo musicale che vivacchia con cantanti scadenti e canzoni melense, senza occuparsi dei problemi gravi ed attuali che affliggono la città.»
Antonio Terracciano

  
Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Peppe Cassese ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 41 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Me schiaffe Napule (Mi metti Napoli nelle canzoni) (14/07/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 Se chiudo gli occhi (2) (16/07/22)

Una proposta:
 Autunno shocking (12/11/14)

La poesia più letta:
 E chiove (E piove) (04/06/14, 10585 letture)

  


Peppe Cassese

Peppe Cassese

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Peppe Cassese Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2022 Scrivere.info