Poesie scelte da Scrivere.info

La Gotica Silente

Azar Rudif

Spirituali

Nella pulviscola foschia più alte
parean le sacre volte
della gotica possente,
Senza fine il susseguirsi
delle salde oranti colonne.
Come solida colonna,
unico fascio di luce
dalle alte colorate vetrate d'Oriente,
attraverso l'immenso aere della gotica silente,
al freddo e scolpito suolo.
Suolo di scritte lastre, ora eclisse d'Antichi.
Artefici di mirabili eventi e antichi frastuoni
ora muti nella silenziosa memoria.
Suolo, origine di silenziose invocazioni,
a mute statue avanti tremuli ceri.

Improvviso, possente, vibrante
suono delle cannule alte.
Inonda furente le vastità oscure delle navate.

Scuote come tempesta le colonne inarcate.
Dall'alto sito alle irraggiungibili volte
che or paiono alla vista sgombre.
E giù come cascata
a scuotere il lastricato funereo suolo,
a risvegliar gli Antichi.
E via fino ai tetri e ascosti sotterranei
ancor custodi del segreto edìfico.

Dall'alta canna vanno armonici all'opposto sito,
vengono contro, tornano dovunque e ritornano in eterno.
Ed infin rapitor d'animo d'inconsapevole ascoltatore.
Ghermito e trascinato dalle armoniose spire
ad inondare ogni cosa ed ogni luogo.
Dal matereo loco all'essenza generatrice del Tutto,
fin nel Nulla.

Improvviso e fulmineo il Silenzio
ed ancor le possenti gotiche forme.
Fuori l'alta volta cerulea corsa dal principio di luce.
Sotto miseri esseri persi in mille inezie
artefici d'ogni loro sventura.
Persi in mille pensieri
senza principio
senza conclusione.
E, lì avanti, l'alte pietre
ben radiche all'errante sfera,
nostro rifugio.
Imprigionati in essa gli urlanti demoni sconfitti.
E ancora in alto
solidi contrafforti si lanciano ancora piu su
fino a rinchiudere
l'ultimo urlo degli spiriti ribelli
nella muta e dura pietra.
E la misera razza è ancora là avanti,
smarrita e dispersa in se stessa.

O Gotica, dall'estatico rapitor suono,
ove ascondi i tuoi distruttivi moventi?
Ove il segreto della maestosa solennità del tuo innalzarsi?
Ove, impetuosa e veemente, miri?
Ove?

Azar Rudif | Poesia pubblicata il 29/04/09 | 4710 letture| 6 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Azar RudifPrecedente di Azar Rudif >>
 

Nota dell'autore:

«Deficata alla chiesa (St. Eustache di Parigi) che ha visto il mio passaggio da agnostico a credente in un Dio al di sopra di qualunque religione»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


6 commenti a questa poesia:
«Una dedica dal sapore intenso... per una chiesa che sicuramente, per la sua maestosità, invita a molteplici riflessioni... Una ricerca dell'uomo d'esaltare chi o cosa?
Colui che ogni uomo dovrebbe invocare non ha certo bisogno di Templi fatti con mani... altisonanti, superbi, stupendi, ma privi del vero valore che ogni uomo dovrebbe avere insito nel proprio cuore... Molto apprezzata la stesura di questi versi che divengono vivido quadro... Così ho voluto commentarla...»


«Ho visto quella chiesa ed apprezzo i tuoi versi ben elaborati e degni di nota per la loro ricercatezza. Apprezzata.»
Marco La Rosa

«Versi ben elaborati che nonostante la lunghezza scorrono piacevoli...
Letta con molto interesse ed anche se non conosco la Chiesa di cui parli, grazie, l'ho molto apprezzata!»
Antonella Bonaffini

   «Con questi splendidi versi mi hai riportata indietro di qualche anno
fa
quando varcavo la soglia di una delle pù grandi e belle
chiese di Parigi Saint Eustache
versi profondi che mi sono piaciuti molto
da conservare»
Danielinagranata

«ho letto con grande piacere questi versi dedicati... e sempre con piacere mi permetto di esprimere un vivo apprezzamento all'autore di versi cosi belli e ben curati...»
Rasimaco


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Azar Rudif ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 23 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Il Poeta (18/03/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Cosa rimane (18/06/15)

Una proposta:
 Tra i sentieri celati (09/05/15)

La poesia più letta:
 La Gotica Silente (29/04/09, 4710 letture)

  


Azar Rudif

Azar Rudif

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Azar Rudif Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info