Poesie scelte da Scrivere.info

Pinseri supra pinseri

Giacomo Scimonelli

Dialettali

’U munnu è surdu
e li me’ peni sunu assai

pinseri supra pinseri...
làcrimi amari
ca nun si ponu cuntari.

Magari putissi parrari!
ma nun ci nesci nenti.

Unni sunu li cristiani
ca sannu ascutari

n’ capu ‘sta terra
cu mi po’ capiri...
nigareddi e ranni
fimmini e masculi

nuddu mi sapi cunsulari.

Abbrazzu u’me suspiru
appuoio lu cori ‘nna vo’ Dio
e parru sulu
sutta nu cielu scuru...

nun sugnu pazzu
sugnu sulu nu sugnaturi
ca riala ‘na carizza a’ Luna
chiuri l’occhi
e ci piaci fari avvulari ‘a fantasia.

Puvureddu iù...
’cchiù nun trovu ‘a me furtuna
e m’ammucciu sutta na pàmpinedda
’spettannu u jorno
e pregannu ‘a Marunnuzza.

U munnu è surdu
nun sulu cu’ mmia

ma cun i genti
ca vonu vulari

comu na palummedda curaggiusa
ca nu cielu culuratu curri
cuntenta, lìbbira e capricciusa...

palummedda ca scinni, chiana
e ‘a vita voli sfidari.

Sulu da mortu nun si po’ cumbattiri...
e oggi ca lu suli m’abbannunatu
spremu ‘a spiranza pi nun affunnari.

Dumani... virimmu dumani
cca’ decisu u distinu...

chiànciri nun fa mali
lava lu cori
e cura lu pettu chinu di duluri...

pinseri supra pinseri
’nta sta vita ca vulissi capiri
vita bedda, dispittusa
e ricca d’amuri...

vita curiusa ca mi fa suffriri
ca joca cu’ mmia
nun mi fa camminari
ma sulu sugnari.

Pinseri supra pinseri
ca nun si ponnu astutari.

Giacomo Scimonelli | Poesia pubblicata il 06/02/18 | 1027 letture| 6 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
Precedente di Giacomo Scimonelli >>
 

Nota dell'autore:

«Avvulari significa volare
Palummedda significa piccola colomba.
Riala significa regala
Pampinedda significa piccola foglia
Astutari significa spegnere
M’ammucciu significa mi nascondo
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


6 commenti a questa poesia:
«Avere troppi pensieri per la testa può causare un senso di malessere, di stress, di stanchezza.
Pensieri e lacrime che non si possono descrivere. La sofferenza è tanta e il cuore si riempie di tristezza. È un periodo cupo (che può capitare a tutti) e ci sente abbandonati dal cielo e dalla terra, come se nessuno potesse comprendere il nostro dolore. Versi sinceri ed espressivi che entrano nel cuore di chi legge.»
Sara Acireale

«Quando i pensieri son tanti ti abbattono e t’instistiscono, quando non puoi confidarti con nessuno, quando la tristezza ti cattura, suscita lacrime e ti fa vedere nero l’orizzonte e non trovi chi potrebbe ascoltarti, è allora che non ti devi abbattere, che vedi il sole dietro le nuvole e si fà vivo il desiderio di volare di nuovo. Una introspezione toccante in un vernacolo particolarmente sentito che rende più leggero il peso che grava sull’anima e coinvolge in un comune magma esistenziale. Il poeta, come solito, non smentisce la sensibilità e sincerità che lo vive. Apprezzato il suo notevole poetare.»
Ela Gentile

«Il testo nel nostro dialetto esprime un pathòs profondo,
un impotenza che assale davanti all ineluttabilità
di una vita di indifferenza, di un tempo che fluisce.
Ma essere sognatori è importante, e un sognatore nonostante
tutto viene compreso.
Il sogno è il nostro evadere dai pensieri dubbi ansie
sofferenze che ci assalgono.
Un testo struggente intenso sentito veramente!»
Eolo

   «Pensieri e pensieri in noi che non siamo pazzi, ma solo sognatori... però, in fondo, un po’ di pazzia non guasta mai, aiuta a vivere e a combattere quel che il destino impietoso ci butta addosso. Confesso di non aver capito tutto perché non conosco questo dialetto, ma il messaggio è arrivato... forte e chiaro, grazie alla sensibilità del Poeta.»
Pagu

«bella questa lirica in vernacolo siciliano che ti porta a riflettere... a volte i pensieri ci sovrastano e noi dobbiamo cercare di non soccombere di andare avanti per non essere catturati dalla tristezza... bellissimi versi che elogio sinceramente»
carla composto

«L’esistenza è dura e appesantita dai pensieri per le difficoltà da affrontare quotidianamente... spesso si piange per la sofferenza da sopportare... ma è inutile,
non si esce dal vortice infernale. Molto apprezzati questi versi in vernacolo siciliano; essi
entrano nell’anima per lo stato d’animo espresso, che coinvolge il lettore... Complimenti
al Poeta per il contenuto e per lo stile euritmico.»
Anna Di Principe


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Giacomo Scimonelli ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 19 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Per sempre grazie (06/02/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 Pinseri supra pinseri (06/02/18)

Una proposta:
 Senso di colpa (23/01/18)

La poesia più letta:
 Piacere reciproco (27/04/12, 10018 letture)

  


Giacomo Scimonelli

Giacomo Scimonelli

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giacomo Scimonelli Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info