Poesie scelte da Scrivere.info

Agrigento storia epica

Giuseppe Vullo

Ispirami oh Athena
epica di patria antica,
anche con mental fatica
narrar i vorrei con ardor!

La mia città greca di Akragas,
non ebbe un grande come Pericle
ma ebbe un grande come Empedocle
ora gli Agrigentini possiamo ricordar!

Cantami o musa d’olimpico Esseneto
come Terone decorato in terra Greca
ma la gente nell’oblio tali gesta spreca,
e danno alla patria in tal guisa procurar!

Ispiratemi Dei di Akragas - Agrigento!
Datemi la fantasia epica e del pensiero
di Pirandello, Virgilio ed anche omero
possiate santi numi il mio genio ispirar!

Giuseppe Vullo | Poesia pubblicata il 25/09/17 | 881 letture| 11 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
Precedente di Giuseppe Vullo >>
 

Nota dell'autore:

«Spero nella clemenza degli autori e lettori, per il mio peccato di superbia ed orgoglio pensar di scriver l’epica d’Agrigento li dove nessuno ha mai tentato. Quindi me disgraziato e scellerato! Qualora mia incapacita’ poetica a tutto il mondo si appaleserà! Proteggetemi santi numi di Agrigento e di Sicilia intera!»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


11 commenti a questa poesia:
«lirica dedicata con tutto l’affetto alla città nativa e di rara bellezza, come non stupirsi a tanto candore e amore ...anche i nubi del cielo innalzano lodi tanto è maestosa nella sua bellezza... il mio rinnovato elogio...»
emiliapoesie39

«Il bravo e valente Autore, ormai arcinoto per il suo amor patrio, chiede ispirazione agli Dei di Akragas perché possa degnamente scrivere le gesta ed i fasti di questa antica e gloriosa città. E lo fa da par suo con dovizia di particolari e con cognizione, infondendo nelle sue parole quella passione forte e tanto amore. elogio sincero»
Alberto De Matteis

«Agrigento, città di epica storia, città di favolosi templi che sembrano custoditi ancora dalle vestali e dal sacro fuoco. Agrigento, città in cui gli dei sembrano vivere donando spirazione a grandi uomini e ad essi il poeta rivolge questi versi per narrare di antiche gesta. Complimenti!»
Angela Schembri

«"Agrigento storia epica", il titolo che ha ispirato l’autore a comporre una poesia che riguarda sempre la bella storia di questa amata città. E, a sua volta ha ispirato me a fare una ricerca sulla bella Sicilia!»
Maria Fiorella Corazza

«un’impresa non facile nel campo poetico ma vedo che gli dei hanno davvero ispirato il poeta che ci regala una bellissima opera, amo Agrigento terra stupenda come tutta la Sicilia
elogio sincero»
carla composto

«A quanto pare gli Dei di Akragas hanno ispirato il nostro amico Giuseppe... versi gradevoli, scorrevoli ed a mio avviso, ben scritti e melodiosi... Autore innamorato della sua Agrigento e della sua Sicilia a cui dedica spesso Poesie per parlare dell’antico passato ricco di gesti eroici... un bel testo...»
Giacomo Scimonelli

   «Beh devo dire che mi piace molto il contenuto e l’obiettivo che l’Autore si prefigge.
La forma in quartine mi sembra ottima, io però sono un maledetto pignolo quando si tratta di metrica e a parer mio, se anche fosse necessario cambiare qualche parolina qua e là pur di far ottenere una maggiore scorrevolezza al testo (terza quartina ad esempio) proverei a far essere ogni verso metricamente uguale agli altri. Sorge però l’eterno dilemma di vedere la metrica e le rime come gabbie invalidanti alla libera espressione, o come la musica immaginaria (ma nemmeno tanto) che può accompagnare e rendere ancor più gradevole una poesia... ogni autore ha il suo pensiero, ed è giusto così.»
Rossi Alessio

«Complimenti, genere che mi piace particolarmente.
Ed ora riporta in vita tutti gli antichi che hanno popolato quelle terre.
In modo tale che i moderni capiscano dove sono.»
Azar Rudif

«" Datemi la fantasia epica" questo verso è un invocazione agli dei e alle muse che in questa lirica hanno fatto il proprio dovere e Agrigento patrimonio di Storia Epica ne risulta brillantemente evidenziata! ELOGIO!»
Giovanni Ghione

«Invocazione alla musa per trarre ispirazione e poter così poetare secondo la più classica tradizione del poema epico, e si tratta di una storia epica, quella della grande Agrigento. Elogio al bravo poeta per questo ritorno all’Epos»
Franca Mugittu

«Un’invocazione alla Musa ispiratrice e agli Dei, perché il bravo Poeta possa versificare un testo epico sulla terra di Agrigento. Impresa non semplice nell’ambito letterario- poetico, ma visto lo spessore culturale e la vis ispiratrice del Nostro Autore, egli stesso potrà cimentarsi in questo percorso. Mai desistere e portare avanti i sogni... forse anche il grande Pirandello inizialmente era dubbioso sule sue opere letterarie. Ammirazione per un testo veritiero e originale... il mio elogio!»
Anna Di Principe


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 

Giuseppe Vullo

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info