Poesie scelte da Scrivere.info

Patti dell’altro mondo

Cinzia Gargiulo

Spirituali

Di piombo il cielo
piange lacrime
senza sosta.

Non c’è luce all’orizzonte
solo l’eco di stragi
a ferirmi le orecchie
in un’estate troppo rovente.

Naufraga nella tempesta
non conosco perdono
né posso scagliare pietre.
Gocce di dolore
solcano il viso...

D’improvviso discende
la carezza del Signore
su quei figli
“che non sanno quel che fanno”.

Invoco il velo della Sua Misericordia
a sfiorarmi il cuore
per perdonarmi
di non saper perdonare.

Cinzia Gargiulo | Poesia pubblicata il 12/03/17 | 1007 letture| 9 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Cinzia GargiuloPrecedente di Cinzia Gargiulo >>
 

Nota dell'autore:

«Poesia del Premio Scrivere 2016
Categoria 1: L’Anno Santo della Misericordia (Spirituale)
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

9 commenti a questa poesia:
«Il perdono è un gesto molto nobile, che non sempre noi comuni mortali riusciamo a mettere in pratica.
Versi belli e molto significativi, complimenti alla brava autrice.»
Ventola raffaele

«versi che commuovono per il tema trattato e per la difficoltà di trovarsi di fronte a certe verità. Non è facile chiedere perdono, ma chi siamo noi per giudicare?
Dio dice: chi è senza peccato, scagli la prima pietra!»
Marinella Fois

«Difficile perdonare simili gesti quando l’odio prende il sopravvento, soltanto il Signore con la sua carezza può, con il suo infinito amore, aiutarci a perdonare chi con assoluta leggerezza si arroga il diritto di togliere la vita agli altri provocando un immane dolore all’umanità intera. Versi che denotano una profonda sensibilità dell’autrice e che ci invitano a riflettere sui mali che affliggono il mondo.»
Lorella Borgiani

«Non sappiamo, non riusciamo a perdonare chi compie stragi immani verso innocenti. Non è facile perdonare chi provoca tanto dolore... Noi dovremo condannare l'atto criminale (è ovvio) ma perdonare la persona che lo compie. Perdonare non significa "giustificare" e ci vuole veramente l'aiuto del Signore per riuscire a pronunciare questa frase "Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno".»
Sara Acireale

«Il perdono, un importante argomento che può essere osservato sia sotto l'aspetto spirituale, sia sotto quello prettamente umano. Se Lui più di noi riesce a perdonare dall'alto del suo Essere, così non è sempre per noi umani che spesso non riusciamo a chiudere gli occhi davanti a tante atrocità che l'uomo perpetra verso i suoi simili. Forse proprio perché siamo profondamente colpiti dal senso di impotenza che, a volte, il non perdonare ci dà l'idea di una reazione, giusta o sbagliata che sia, ma comunque una forma di opposizione al male. Versi intensi e di grande profondità, molto apprezzata la chiusa.»
Paola Vigilante

   «Commuovente lirica che interpreta il pensiero di molti e noi siamo qui impotenti a vedere ... e non sappiamo perdonare, che probabilmente è la chiave giusta per aprire le porte del cuore. Ottimo lavoro, molto sentito e condiviso.»
Maria Luisa Bandiera

«il gesto del perdono è la virtù più difficile da mettere in pratica... ma Gesù ci dice se vogliamo il perdono nostre debolezze dobbiamo perdonare gli altri...
molto brava l'autrice...»
emiliapoesie39

«Non è facile perdonare quando troppo sangue innocente scorre a fiumi... perdonare chi uccide senza motivo... chiedere aiuto a nostro Signore per riuscire a perdonare noi stessi che non siamo in grado di perdonare ...versi che toccano l'animo di chi legge... intensa e sentita»
Giacomo Scimonelli

«...Non c'è luce all'orizzonte, solo l'eco di stragi.
Il perdono? Ci vuole una carezza del Signore
per avere la forza di pronunciare le parole che
Gesù disse sul Golgota ai suoi carnefici:
Padre perdona loro
che non sanno quel che fanno. E la brava
Autrice, come penso anch'io, invoca un aiuto divino
per perdonarsi di non saper perdonare. Parole queste
dettate da un animo nobile.»
Alberto De Matteis


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Cinzia Gargiulo ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 26 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Polvere di stelle (14/10/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Il tempo dell’amore (06/03/18)

Una proposta:
 Numeri in fumo (28/01/18)

La poesia più letta:
 Polvere di stelle (14/10/10, 9291 letture)

  


Cinzia Gargiulo

Cinzia Gargiulo

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Cinzia Gargiulo Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info