Nuovi autori:

Archivio poesie:

Gli autori:

Poesie scelte da Scrivere.info

La voce di un albero

Rosetta Sacchi

Natura

Se io guardo il cielo dalla mia ridente chioma
ed odo tra le foglie stormire mite il vento
e attendo paziente delle stagioni il ciclo
e sul vestito a fiori m’adorno di succosi pomi,
è per la terra bruna che m’accarezza
e le radici nutre e cura, è per la linfa
che in ogni ramo scorre
e la vita che in fremito m’assale.

Se tendo i rami è per ringraziare il Cielo
e se mi piego a guardare il suolo
è a favorire il dondolìo della terra,
soave e premurosa culla della vita.

E se io tremo sotto il cielo grigio,
sbigottito, quasi non avessi voce
è per la mano dell’uomo che m’offende...
E ad ogni colpo inferto mi rattristo,
ad ogni piaga sul cuore della terra

Rosetta Sacchi | Poesia pubblicata il 07/10/16 | 849 letture| 3 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi >>
 

Nota dell'autore:

«Poesia che ha conseguito il Premio Speciale della Giuria per chi si è distinto nell’insieme delle quattro categorie. – Premio Scrivere, 1 ottobre2016, Roma -»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


3 commenti a questa poesia:
«mi piace, sì mi piace...
è davvero un canto d'amore per ogni forma di vita, è una dolorosa costatazione che solo l’uomo può ferire oltre ogni modo…
senza nemmeno averne la consapevolezza.
La voce di un albero che si nutre, dove tutto è natura, e esso stesso ci nutre con i suoi frutti, ci protegge con i suoi rami, le sue fronde…
Un ciclo delle stagioni, della vita stessa che avanza per il domani…
O almeno sino a quando un poco accorto uomo, non capisce che la sua distruzione, passa proprio dall’innata propensione a distruggersi…
Bellissimi versi i tuoi, dovresti trovare il modo affinché piccoli scolari possano trarre da essi, una lezione di vita!»
Saverio Chiti

«Si entra dentro le immagini e il sentire del poeta,
suggestivo scorrere, dove la simbiosi si fa tangibile e profonda!
Poetica che mi rapisce, mi emoziona!»
Patrizia Ensoli

   «una bella poesia, del resto dalla brava autrice le sensibilita' si sviluppano con scioltezza e il poetare assume sostanza. la natura viene omaggiata.»
Francesco Rossi


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Rosetta Sacchi ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 36 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Taci (06/07/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 Vi sono posti (20/06/17)

Una proposta:
 Il mistero di una mamma (08/05/17)

La poesia più letta:
 Questo silenzio (14/07/11, 6113 letture)

  


Rosetta Sacchi

Rosetta Sacchi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Rosetta Sacchi Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info