Poesie scelte da Scrivere.info

Genitori

Stello

Morte

Quanto siete lontani da me,
e com’è flebile l’eco della vostra voce;
le carezze ed i sorrisi quasi più non ricordo.
Eppure mi avvicino sempre più a voi.
piano, ma inesorabilmente, m’avvicino
ed immagino di rivedere i vostri visi.
Avrei bisogno di dirvi tante cose,
ma ho paura di non sapervi più parlare,
vorrei tanto abbracciarvi.
Ricambiare l’amore che mi avete dato
e dirvi che su mio figlio l’ho riversato
sicché di vostra impronta
nulla si perda ed, anzi, vieppiù rimanga.
Solo così si consola il cuore,
sapere che qualcosa ancora vive
di voi, miei amati genitori;
di voi a cui sempre più mi avvicino.

Stello | Poesia pubblicata il 20/04/16 | 1431 letture| 7 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di StelloPrecedente di Stello >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

7 commenti a questa poesia:
«Le parole di una poesia trasportano il nostro pensiero lontano, cercando l'infinito senso d'eterno. Le parole accompagnano i nostri ricordi tenendoli per mano, guidandoli dove l'anima dolcemente ritrova l'amore e l'affetto per chi ormai non c'è più... Ma non sarà mai lontano ai nostri occhi, sarà solo invisibile e ci aiuta a far battere il nostro cuore... sempre.»
Cristiano De Marchi

«Una bellissima dedica a chi ci ha donato vita, amore, sensibilità e gioia. Il poeta ricorda i genitori con profondo affetto e i suoi versi bussano alla porta del cuore. Un lavoro bello e intenso... da ricordare.»
Pagu

«Struggenti come mai questi versi in ricordo di chi ci ha fatto conoscere questa terra – un ringraziamento particolare in attesa di quel domani che ricongiungerà e sono sicura che anche per l’autore sarà un grande dono vissuto senza paura.»
Berta Biagini

«Versi struggenti ed espressivi dedicati ai genitori, a coloro che ci hanno dato la vita e che adesso vivono in un'altra dimensione. Lirica impregnata di tanto amore filiale.»
Sara Acireale

   «Bello ringraziare i propri genitori ed accusarne la mancanza ancorché, per l'incedere del tempo, la distanza si assottigli. Un'impronta, un'eredità che riesce a riempire comunque il cuore del poeta. Una lirica di grande profondita e che denota il grande cuore del poeta.»
Luciano Capaldo

«Un inno doveroso ai propri genitori che se lo meritano comunque. Ottima dedica a chi ci ha dato la vita.»
Umberto De Vita

«Parole sincere e vere scritte con il cuore e che
toccano il lettore. Parole che probabilmente non
si sono mai dette prima e che ora diventano
catarsi per l'anima.»
Alberto De Matteis


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Stello ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 8 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Tutto resta (03/04/16)

L'ultima poesia pubblicata:
 Alzheimer (01/06/17)

Una proposta:
 A famigghia (04/12/16)

La poesia più letta:
 Papà (05/05/16, 2948 letture)

  


Stello

Stello

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Stello Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info