Poesie scelte da Scrivere.info

Era Natale

alias Marina Pacifici

Impressioni

Era Natale
con un piatto di minestra
e pane nero.
Era il sorriso bambino
che guardava la neve cadere
con il naso incollato alla finestra,
o il pettirosso intirizzito
a beccare briciole sul sentiero.

Era Natale
nel coro di voci
della messa a mezzanotte
che s'innalzava
con volute d'incenso dalla navata.

Era una corsa di fanciulli felici
là sull'Appennino
tra il ricamo allegro di fumo
per le vie del borgo
ammantato da una nevicata
dal crinale alle pendici.

Era la povera tavola imbandita
con la tovaglia bianca della festa
e la famiglia tutta riunita
in compagnia su sedie di paglia.
Sorrideva il cielo fuori
anche al fischio della tramontana
o incappucciato in scura nuvolaglia.

Era il sapore contadino
del vino rosso e del panforte
e anche nella miseria
il focolare brillava di calde luci.

Qualche semplice dono
per i più piccini:
noci, arance,
una sciarpa fatta a mano,
una manciata di mandarini.

Era il profumo
di ginepro arso nel camino,
era la carezza del nonno
intento a raccontare
mentre fumava la pipa
illuminando di felicità
il cuore di un bambino.

alias Marina Pacifici | Poesia pubblicata il 18/12/15 | 876 letture| 5 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di alias Marina PacificiPrecedente di alias Marina Pacifici >>
 

Nota dell'autore:

«Al giorno d'oggi il Natale è la festa più triste e deprimente dell'anno.
Perduti i valori di solidarietà e condivisione, a Natale si celebra la fiera della vanità nel dominio dell'egoismo, del cinismo, dello scialo e dell'indifferenza verso chi vive nel disagio.
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


5 commenti a questa poesia:
«Un Natale dove si sentiva veramente la festa, dove era tutto così magico anche nelle poche cose che si possedevano perché si dava importanza ai veri valori della vita e soprattutto alla famiglia. Bellissime immagini, complimenti all'autrice»
Anna Rossi

«Uno scorrere tra ricordi di un tempo ...immagini... usi e costumi di una volta che sono rimasti indelebili... e sanno colorare di nostalgia gli sguardi di oggi...
Ogni strofa a ricordare poeticamente giorni fatti di pura semplicità...e di pura vita domestica... dove piccole cose e gesti avevano la certezza dei valori...
Molto apprezzata...»
Antonio Biancolillo

«Era l'eta' dell'innocenza e della vita semplice e sana nei sentimenti ed insegnanti . Ho respirato a pieni polmoni qiell'aria. Grazie per le sensazioni, molto bella la poesia»


   «Sembra di essere trasportati in un film di altri tempi pieno di calore ed amore per le cose semplici... Vi è un risvegliare desideri di semplicità ed un monito per chi crede solo nella futilità di una festa che perde il suo vero valore. Molto bella, tutto il mio apprezzamento»
Anna Maria Feliciotto

«È il vivere innocente che mai tradisce le aspettative ed il battito del cuore che accelera all'impazzata nell'attimo che sente di possedere la vera gioia...»
zani carlo


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
alias Marina Pacifici ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 17 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Sussurra al mio cuore (11/01/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 Il sapore segreto della nostalgia (10/10/17)

Una proposta:
 Solitudini (10/03/17)

La poesia più letta:
 Eccoti (30/01/11, 4352 letture)

  


alias Marina Pacifici

alias Marina Pacifici

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

alias Marina Pacifici Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info