Poesie scelte da Scrivere.info

Non si trovano più le stelle

Sara Acireale

Riflessioni

Sopra la linea del mondo
non si trovano più le stelle.
Nel mio spazio indefinito
fluttua la mia zona grigia

Cade dal cielo lo sgomento
con le scure ombre della sera.
Rami sospesi mormorano
lamenti al pallido fantasma

Ricordi girano attorno
a un viale senza speranza
Il bagliore d’una cometa
dura soltanto un attimo

Una lampada è accesa
brilla dietro a una finestra.
Mi sento come una rondine
in cerca del suo rifugio

.

Sara Acireale | Poesia pubblicata il 16/12/15 | 2144 letture| 15 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Sara AcirealePrecedente di Sara Acireale >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


15 commenti a questa poesia:
«Traspare un senso di smarrimento, pare non sia possibile vedere neanche più brillare le stelle in un cielo cupo, sono troppe le ombre, che non permettono la visibilità. Nei momenti bui della vita, l'anima si sente prostrata, avvilita ma non perde mai la speranza di vedere filtrare un raggio di luce tra le ombre della notte. Bella la chiusa, quella lampada accesa che brilla e la rondine che va in cerca del rifugio. S' apre la porta della fiducia e della speranza di continuare ad andare avanti nella vita. Guai se non fosse così!»
Agnese Iannone

«Momenti di sconforto attraversano l'anima dei versi... come le nubi che coprono le luci...
disilludendo ogni certezza... sentendosi dentro una corazza costruita di ricordi... ma... che sta stretta... non consente di volare liberi ritrovandosi prigionieri di se stessi senza più stelle da contemplare...
Una riflessione tra immagini di poesia che sa anche aprirsi a quella flebile luce ...sicura meta di un rifugio di speranza...
Molto apprezzata...»
Antonio Biancolillo

«Quando dal cielo svaniscono le stelle, si apre un triste scenario attorno a noi; tutto è sgomento ed appare nel nero più assoluto. Pervadono tristezze, ricordi e disillusioni. Ci si sente spaventati, noi, minuscola parte in balia delle ombre della sera. Ma ecco, basta un lume di speranza, anche se ancor lontana, che la vita si illumina di quel calore ritornando a sorridere ed allora si è felici di riaffacciarsi ad essa. Complimenti per le sensazioni e le immagini che questa lirica trasmette al lettore nella sua scorrevolezza e bellissima la chiusa.»
Angela Schembri

«Bella, splendida, stellare metafora della nostra vita, l'altalenante alternarsi di speranze ed illusioni, di disperazioni e tristi delusioni! Un bello alternarsi di luci e di ombre che colorano questi bellissimi versi. Alla fine basta una luce ad accendere la speranza, ad aprire il cuore all'ottimismo, l'ottimismo della vita, quello che ci sorregge sempre, anche nei nostri momenti più bui! Bellissima poesia!»
Michelangelo La Rocca

«Bellis metafora della bellezza nascosta che non si riesce a perpecipire. ...
Versi di grande bellezza. ...»
Rosita Bottigliero

«Eppure le stelle sono lì, nel cielo, a miriadi, ma, molto spesso, a noi invisibili, forse anche per nostra colpa, quando tutto intorno a noi è buio e non sappiamo o non possiamo guardare al di là delle tetre nubi. Ma non tutto è perduto, poiché, quando meno te l'aspetti, ecco una lampada accendersi dietro una finestra. E' la lampada della liuce e della speranza che occorre di continuo alimentare, affinché non si affievolisca o addirittura si spenga. Una poesia che io reputo adatta per questo periodo natalizio.»
Alberto De Matteis

«Molte sono le cause per cui non vediamo le stelle brillare nel firmamento... credo che dapprima siano i turbamenti esistenziali che rendono opaco il cielo ...uno spiraglio di luce, però, s'intravvede da una finestra mentre nella mente si affacciano i ricordi. La poetessa nell'esprimere un mondo colmo di sgomento lascia una flebile speranza per l'umanità e per se stessi, infatti nella prima strofa definisce "zona grigia " la parte di spazio interiore. Una peculiare disamina di uno stato d'animo inquieto con un versificare di notevole pregio, che ho molto ammirato.»
Anna Di Principe

«Cercare un luogo sicuro nell'infinità di una notte persa nel buio della vita...
Ottime sono le immagini di questo lavoro, tanto incisivo da rubare tutta la nostra immaginazione. La poetessa riesce sempre a rendere vario e bellissimo il suo universo poetico, tanto grande quanto la sensibilità che primeggia in ogni verso. Complimenti di cuore. Una continua conferma.»
Pagu

   «In un mondo senza stelle la poetessa con il suo candore e la sua dolcezza si conferma la stella più bella. .»
Paola Riccio

«le stelle sono i nostri desideri... i nostri punti luce di riferimento... ora solo la luce artificiale di una lampada a volte ci porta a sognare... bella lirica, bella metafora brava la poetessa il mio plauo... la mia stima»
carla composto

«Capita che guardando il cielo specie di sera, non ci rifletta la luce delle stele, un po' perché il cielo è troppo coperto, incide anche l'inquinamento che sta deteriorando un po' tutta la natura. oppure perché le stelle si nascondono nelle galassie. Questo procura sgomento all'anima che in questo buio si sente dispersa. Spicca invece la luce da una finestra e sentendosi così, si desidera tornare alla propria casa. Una riflessione che ci porta anche alla valutazione dell'ieri quando si vedeva un cielo trapunto di stelle che portava gioia al cuore. Lirica apprezzata per contenuto e forma!»


«La perdita dello splendore delle stelle, ci fa andare avanti senza punti di riferimento. Forse ci aspetta un futuro incerto. Uno spiraglio di luce si intravede dietro la finestra.
Ci auguriamo che quella luce non si spenga mai.»
Donato Leo

«Un mondo dove fatichiamo a vedere il chiaror delle stelle, stende un manto buio sull'anima che si sente smarrita. Poesia profonda come sempre!»


«L'assenza o la perdita di punti di riferimento crea sempre scompiglio e smarrimento, ma bisogna perseverare nella ricerca. Molto ben descritta e pienamente condivisa questa poesia che ancora una volta ci regala la poetessa; complimenti sempre.»


«Mi è piaciuta molto questa poesia quasi un po' insolita con una chiusa splendida. L'autrice ha trovato uno spunto (le stelle) molto caro ai poeti e lo ha saputo sviluppare mirabilmente.»
Umberto De Vita


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Sara Acireale ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 19 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Tempesta (30/09/08)

L'ultima poesia pubblicata:
 L’universo ci farà sognare (09/01/18)

Una proposta:
 L’alba del domani (30/05/16)

La poesia più letta:
 Un amico è come il sole (09/07/09, 18140 letture)

  


Sara Acireale

Sara Acireale

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Sara Acireale Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info