Poesie scelte da Scrivere.info

Forza che accanto a me cammini

Pagu

Introspezione

Primavera,
lucente e verde m'appare quest'angolo di vita,
fresca e gentile l'aria del dolce pensiero innocente,
in mezzo alle profumate fronde l'ombra già passata
curiosa e sognante vaga scoprendo attimi leggeri,
lontane le privazioni missionarie di sepolti tormenti.

Estate,
vestito di emozioni, nel credo del profondo io
non temo la violenza della danza d'un assurdo caso,
in mezzo alle correnti domino l'impetuoso mare,
voglio fulmineo calore, del bello baciar l'immagine,
forza che accanto a me cammini sotto l'alto sole.

Autunno,
orme sul piano cresciute dal tempo il suo respiro,
esitante nei percorsi che vasti labirinti appaiono
di fronte a disillusioni che segnano il viso ombrato,
siano crepe d'amor sentito o idee nelle irreali fiamme
a metà la figura appare, incompleta l'armonia sfuggente.

Inverno,
un manto bianco e grigio copre le tarde sofferenze,
prego te Signora oscura, privo di tormento il transito,
tanto ho visto, altrettanto dato, molto ricevuto,
porto poche cose se non le mille e più esperienze,
ma ho amato la terra... Dio quanto l'ho amata.

Pagu | Poesia pubblicata il 14/12/15 | 1430 letture| 24 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di PaguPrecedente di Pagu >>
 

Nota dell'autore:

«"Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci".
(Jim Morrison)
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

24 commenti a questa poesia:
«Un guardare la vita, un guardarsi... attraverso lo scorrere delle stagioni riconoscersi in un viaggio, metafora d'esistenza, che racchiude gioie e dolori, speranze e delusioni. Riesci sempre a dare alla tua poesia movimenti di grande intensità e bellezza. Il mio plauso.»
Eolo

«Un testo che è un capolavoro, che riflette la complessità del sentire umano, ad ogni fase della vita, miriadi di emozioni fra le attese di un sperare osservando l'onda del mare e le attese disilluse quando il cielo ti nasconde la luna. Una sensibilità estrema quella del Poeta che è un dono per tutti ...
complimenti!!!!»
Rosafio Giancarlo

«I cicli delle stagioni simili a quelli della vita qui espressi con maestria in un ritmo incalzante ed estremamente poetico. Indubbiamente da apprezzare»
Sabyr

«Colori, immagini, sensazioni contraddistinguono ogni stagione, climatica, come della vita. E s’apre un ventaglio di emozioni a dare senso e profondità lirica a questi versi che fluiscono e diventano vento e pioggia, sole e neve e nel loro turbine trasportano la vita attraverso il suo essere e il suo continuo divenire. E per quanto io ami, in modo diverso e in diversa misura, tutte le stagioni, mi piace moltissimo, quest’inverno, candido e immacolato e nello stesso tempo oscuro, quest’inverno che giunge col suo bilancio consuntivo del dare e ricevere, ma dove la parte migliore resta sempre l’avere amato. Bravo poeta!»
Rosetta Sacchi

«Ad ogni stagione corrisponde un sentire del cuore attento ai mutamenti ed ai particolari che la vita sa offrire. Forza e delicatezza ne fanno trama. Molto intensa e colma di sentimenti condivisi»
Antonella Dadone

«Cammina accanto, scruta la nostra capacità, ci lascia soli, talvolta ci abbandona, ma non ci perde mai di vista... La forza, si la forza che accompagna la nostra esistenza e ci fa pensare, ci rende umili e coraggiosi, ci rende sensibili nel ciclo naturale della vita. Così le stagioni parlano e raccontano chi siamo, noi uomini soli che siamo capaci d'amare, è vero caro poeta, quanto siamo capaci d'amare!»
Cristiano De Marchi

«Sì sogna nelle stagioni della vita...
Lirica di grande bellezza poetica. Molto apprezzata.»
Rosita Bottigliero

«Importante lirica scritta gradevolmente con le mille sfumature che il tempo regala nel suo susseguir di stagioni. Dal titolo si denota la preferenza del Poeta nel vivere l'estate, con la forza del calore che sa donare Amore, coi suoi desiderati baci e il suo sole, guida della nostra vita, ma ogni stagione è importante e preparatoria alla fase successiva, alla rinascita della vita e con attenta riflessione e illustre chiusa il Poeta dichiara il suo amore per la vita e la natura. Meritato applauso ed un inchino.»
Angela Schembri

«Ogni stagione della vita ha il suo fascino, anche l'inverno e, forse, più di tutte le altre... ti rintani nel calore del tuo essere, in quello che hai saputo raccogliere nelle stagioni precedenti.»


«Il ciclo delle stagioni come metafora di vita. Un susseguirsi di emozioni diverse, uniche... Dalla vita che sboccia, in primavera, attraverso un cammino di speranza si giunge alla maturità e alla vecchiaia rappresentata dall'inverno, starà a noi scegliere se lasciarci morire o portare il nostro bagaglio di esperienza al servizio dei giovani. Un testo che ho apprezzato moltissimo.»
Antonella G

«Una poesia che trovo carica di passione per la vita e che nella vita l'autore, vuole e ha bisogno di vivere attimo per attimo, apprezzando ogni momento come se fosse necessario ed effettivamente, per l'autore lo è. Un insegnamento sulla positività, sul percepire il mondo senza giudicarlo ma, bensì, sentendolo come parte del proprio sé.»
Massimiliano Moresco

«Tutte le stagioni rappresentano un percorso di vita, differenti modi di sentire e vivere situazioni diverse, esperienze dai coloriti cangianti a seconda dei sentimenti ed emozioni vissuti nel tempo.»
daniela dessì

   «Le quattro stagioni sono descritte in modo accurato e originale dal Poeta. È come se l'autore volesse fare un viaggio attraverso le stagioni della natura e della vita. L'alternarsi delle stagioni è una metafora della vita. la Primavera è l’inizio della vita nuova. I colori, i profumi, il pallido sole che affiora…diventano un momento magico, da gustare, da assaporare. L’Estate è il tempo della giovinezza e della scoperta dell’amore, è la stagione della vita che attraverso l’arrivo del sole scalda i corpi che si cercano e che si uniscono in un abbraccio. L’Autunno è il tempo dell’abbandono, come le foglie che lasciano l’albero e cadono sulla terra e infine l'inverno gelido è la stagione della vecchiaia, della solitudine. Apprezzata»
Sara Acireale

«la forza della natura, il susseguirsi delle stagioni con le loro particolarità che il valente poeta con descrizioni in dovizia di particolari ci regala... un'introspezione superba e bella ... i miei complimenti anche per la bella nota sentita... sempre tanta stima»
carla composto

«Le stagioni della vita, ognuna ci regala delle emozioni e delle esperienze che fanno di noi esseri che se ne andranno senza tormenti, ogni parola è dove deve stare ogni sfumatura è immediatezza ponderata, sempre sorprendente.»
Paola Riccio

«La forza è quella della natura che nella sua mutevolezza caratterizza il nostro cammino di vita segnando per ogni sua stagione come per ogni nostra stagione di vita caratteristiche diverse spaziando dalla nascita alla crescita e poi rinascita e poi...
La nota suggerisce qualcosa di convincente; nella vita guerrieri per le proprie idea, la propria libertà ed il nostro invecchiare sarà migliore. Particolarmente bella questa lirica, meno ermetica del solito ma sicuramente, e la preferisco, schietta diretta ma sempre fluida, musicale perfetta direi.»
Luciano Capaldo

«L'autore paragona se stesso alle stagioni. E' chiaro che ogni stagione è un periodo di vita vissuta diversamente. La primavera presenta vita in germoglio e verdi speranze, timido avvio nel cammino che man mano si fa più sicuro. L'estate tutto è un esplodere di desideri appagati e raggiunti nel rigoglio della sicurezza in se stessi. L'autunno con le sue nebbie e il diradare delle foglie, è paradgma di stanchezza, insofferenza e fatica nell'essere brillanti nell'interagire con la vita. L'inverno porta sofferenze ed una coltre bianca che chiude la visuale dell'amata terra. Ma se la vita si continua ad amare malgrado le sofferenze o i problemi che essa ci presenta, lei è la nostra madre e sicuramente ci proteggerà. Lirica molto apprezzata.»


«Il ciclo naturale delle stagioni metafora dell'esistenza umana, che il Poeta esprime analizzando il percorso della vita dalla primavera dove tutto è luce splendente e via via fino a giungere alla stagione della consapevolezza... Molto apprezzata l'ultima strofa dove troviamo la maturità e la consapevolezza di aver amato la vita nonostante amarezze e delusioni.
Una lirica ricca di numerose immagini visive ed espressive, in cui natura ed esistenza umana s'intrecciano donando al dettato poetico armonia e
musicalità. Il mio elogio al bravo Poeta.»
Anna Di Principe

«C'è un cielo di ogni stagione del nostro passaggio... che guarda e scava tra i riflessi smarriti, avolte, circoncisi tra le pieghe dell'anima ... Ma il cuore ha occhi e pulsioni da librare ... anche se ogni gesto e parola affiorano imprecisi, come inadeguati a cogliere una giusta e armoniosa quadratura ... così la carne tramuta in scudo e ogni volontà s'affida a una sospesa attesa, al richiamo possibile di un altro miraggio, lontano ma vitale e trasparente ... per provarci ancora e sempre... Passaggi di stagioni effimere o pregne di significato... illusioni decodificate o assurde pretese d'essere... sono atti che ci legano ad istanti dalla breve durata... brevi segmenti di Noi...
Sottile e raffinata introspezione, intimamente apprezzata...»
Antonio Biancolillo

«ogni stagione ha il suo fascino, come la nostra vita, tutto è subordinato all'andamento della natura, della nostra madre terra. bellissimi versi per cantare lodi creato.»
emiliapoesie39

«Bellissima Opera, pregevole la costruzione, anima e talento si fondono in questo Artista davvero UNICO che amo portare nel cuore.»


«Attraverso il ciclo delle stagioni l'autore ci invita e accompagna con una metafora lungo il sentiero della vita attraverso il dispiegarsi i ogni stagione e dove ognuna di esse dona il suo significato con luna esplicita caratteristica ... e conclude poi con una emozionante chiusa a coronare questa bella lirica!»
Maria Luisa Bandiera

«è singolare questo viaggio tra le stagioni come un 'cammino' guardandosi dall'alto. Da meditazione»
Merlino

«Bellissima lirica si attraversa con emozione le fasi delle stagioni e il tempo che scivola attraverso la nostra vita che anno dopo anno ci fa crescere. complimenti bel lavoro»
Patrizia Cosenza


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Pagu ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 19 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Statua (29/03/14)

L'ultima poesia pubblicata:
 L’alba del fuori tempo (09/01/18)

Una proposta:
 Il calice e l’astrazione (22/08/16)

La poesia più letta:
 Astruso nutrimento (27/02/15, 2442 letture)

  


Pagu

Pagu

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Pagu Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info