Nuovi autori:

Archivio poesie:

Gli autori:

Poesie scelte da Scrivere.info

Ascolto

zani carlo

Uomini

Tutto cominciò con un cielo dipinto
calma e serenità sul volto e fiducia
la vita promise alla pace assoluta
in dono una famiglia e quel poco che basta...
poi quel bacio da giuda inferiore
distrutta armonia distolse lo sguardo
e disciolto l'amore si fece da parte
affilando una daga alle spalle del cuore...
morte apparente ne impedì pronta l'uscita
rappreso indeciso che fu il sangue
ingannato costretto nel fondo chiaro di bottiglia
trasparente invisibile sfuocato a se stesso...
barba tra i solchi e disperati gl'occhi
fumo di cervello e tra sgualciti indumenti i sogni perduti...

Ascolto...
in disparte il sorriso spento di un uomo
e guardo
triste consunto il digrignar di denti
e mi sento
quel vigliacco qualcuno
che ha rubato per sempre la sua dignità...

zani carlo | Poesia pubblicata il 02/05/15 | 1352 letture| 9 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di zani carloPrecedente di zani carlo >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

9 commenti a questa poesia:
«Succede che la vita tradisca, che ci si ritrovi di colpo senza più nulla. E'cosi facile perdere ciò che ami e ciò che ti dà da vivere, in un paese dove c'è posto per tutto, eccetto che per il lavoro.
Migliaia di persone ai margini della società.E'difficile rimanere insensibili leggendo il travaglio in quegli occhi disperati, è difficile non sentirsi colpevoli per non poter fare nulla o poco per loro. Bellissimo testo complimenti.»
Antonella G

«Così crudo, struggente, lucido, commovente.
Testo mirabile a penetrare la memoria umana. Bravo.»
Eolo

«Qualunque ne sia la causa, ciò che fa di un essere umano un invisibile agli occhi degli uomini è solo l'atroce indifferenza di cui ormai la società è preda... tranne poche eccezioni, oggi più che mai, siamo incapaci di guardare davvero all'altro figurarsi essere capaci di porsi in ascolto... Si, vero che l'uomo è sempre stato più portato a vedere i propri dolori di quelli altrui ma l'individualismo cieco della nostra società ha raggiunto l'apice... e la solitudine umana anche.
Commuove, coinvolge e ci pone di fronte a responsabilità e incapacità che sono anche le nostre»
nemesiel

«Una lirica da cui traspare la grande sensibilità del poeta, che affronta una problematica molto sentita nell'attuale società. L'ascolto di persone, che, per motivi relativi alla propria esistenza toccano il fondo, è di fondamentale importanza. Spesso l'indifferenza non fa che peggiorare il modus vivendi... ci si lascia andare. Pregevole la chiusa, in cui si delinea tutta l'amarezza dell'autore, quasi immedesimandosi in quel vigliacco che ha rubato all'essere umano in difficoltà esistenziale la dignità. Versi molto apprezzati per il susseguirsi di sentimenti e stati d'animo. Congratulazioni al Poeta!»
anna di principe

«L'autore tratta un argomento molto delicato e triste. Purtroppo i drammi umani di questo genere, negli ultimi tempi sono frequenti e solo le persone sensibili e di animo profondo, riescono ad immedesimarsi in questi drammi umani e provare vera e propria sofferenza ed empatia, che è la parte più vicina al dolore dell'altro.»
Antonella Modaffari Bartoli

   «Un triste argomento trattato con grande sensibilità. Il poeta ci trasmette tutto il dramma di una persona ai margini e ne esce un quadro assai doloroso. Complimenti sia per la lirica assolutamente ben fatta che per il tema condiviso.»
Pagu

«il mondo degli invisibile non viene mai msso in luce... in questa lirica il generoso e sensibile autore ne parla con versi bellissimi che portano a commuovere... forse dovremmo dare una mano concretamente a queste persone che da un giorno all'altro si ritrovano, per dolori, per tradimenti e chissà per quanti altri problemi sul marciapiede... molto sentita ed apprezzata il mio plauso»
carla composto

«Una lirica che tratta un argomento assai triste, il vivere ai margini della società. Versi toccanti e profondi arrivano all’anima di quel lettore, particolarmente sensibile, che non può rimanere distaccato dalla sofferenza altrui facendola propria. Complimenti all’autore!»
Rosetta Sacchi

«Esistono le persone un poco in bilico ...sono versi di una bellezza unica. .complimenti»
Rosita Bottigliero


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
zani carlo ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 22 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Pace (23/07/14)

L'ultima poesia pubblicata:
 Mi sembrava (18/07/17)

Una proposta:
 La via mia (23/05/17)

La poesia più letta:
 Finalmente...è Vero Amore (27/09/14, 2355 letture)

  


zani carlo

zani carlo

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

zani carlo Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info