Poesie scelte da Scrivere.info

Lamento

Maria Assunta Maglio

Sociale

Lamento di dolore s’innalza dal mare,
onda di pensieri affoga,
nel turbinio di vento e tempesta,
si dilegua nel silenzio l’azzurro infinito,
le acque lambiscono caduche ombre.

Fiume d’anime fanno anse,
inarcate,
per attraversare tranquillamente il mare,
ma... strappa cuori violento tsunami,
frantuma sogni, suoni e colori.

Muore speme al sorger del sole,
svaniscono vite nel mistero del mare,
perpetua triste immagine al mio cuore,
permane scolpita nel tempo.

Uomini potenti!
Perché tanto dolore?
Sciogliete i nodi universali,
che aggrovigliano infausto destino.

Maria Assunta Maglio | Poesia pubblicata il 22/02/15 | 1785 letture| 2 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Maria Assunta MaglioPrecedente di Maria Assunta Maglio >>
 

Nota dell'autore:

«Anime attraversano il mare, cercano gioia, vita serena, trovano la morte.»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

2 commenti a questa poesia:
«Malinconica nel suo scorrere questa poesia è infinitamente riflessiva, alla mente di chi non, ascolta, non, ha il senso del dovere e la capacità di razionalizzare un pensiero cruento, quello che porta a commettere onde di atroci situazioni. Là dove anime innocenti salpano verso lidi incogniti per raggiungere il sole, ma che le tenebre inghiottono senza pietà alcuna. Là dove muore la speranza di un giorno migliore, di un giorno che potrebbe far ritornare la voglia di vivere. " Perché tanto dolore?" scrive l'autrice. Perché non c'è umanità, senso dell'altruismo e soprattutto senso dell'amore, restituendo così al mare, "un infausto destino".»
Rita Minniti

   «Dolore dilaga nella furia del vento, dove acque si spandono in riva, grida d'anima chiama riposo, elargisce nel cammino del so gioco futili ore passati tra torbide acque. Bella.»
Giovanni Licata


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Maria Assunta Maglio ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 12 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Mamma (10/05/14)

L'ultima poesia pubblicata:
 T’aspettu sempri o luna (01/06/18)

Una proposta:
 A me terra (31/01/16)

La poesia più letta:
 Rosso porpora (31/08/14, 3765 letture)

  


Maria Assunta Maglio

Maria Assunta Maglio

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Maria Assunta Maglio Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info