Poesie scelte da Scrivere.info

Ma comme faccio a dì?

Peppe Cassese

Dialettali

Ma comme po’ sparì sta voce toia
si l’urdema canzone cerca ancora
‘a voglia ‘e fa scetà chesta città
ca aspetta sempe l’ora ‘e s’abbentà?

Sì stato ‘e chesta terra sango e figlio
na vocca 'e mele 'o ffuoco 'e na chitarra
nu core c'ha schiuppiato pe sciata'
ca Napule cchiù amara nun ce sta.

Ma comme faccio a dì te ne sì gghiuto
si dint’o pietto sona e canta muta
‘a freva ‘e sta quartana speretata
ca sfotte ogne mumento sta nuttata?

Sì stato cu stu cielo luna e stella
na vela c'ha sbattuto 'nfaccia 'o viento
na vita rufennuta a s'appacià
e Napule t’attenne pe parià.

Ma comme pozzo scrivere ddoie sciosce
si ‘o tiempo s’è pigliato ‘o meglio amico
e ie ca so’ crisciuto cu sta voce
me 'nchiovo a chesta smania sempe 'ncroce?

Sì stato overamente na ‘mbriana
'o juorno cchiù abbasato 'e na semmana
e mo' ca arape 'a porta 'a verità
tu truove finalmente ‘a libertà.

traduzione:

Ma come può scomparire la tua voce
se l'ultima canzone cerca ancora
la voglia di far svegliare questa città
che cerca sempre il momento di vivere in pace?

Sei stato di questa terra padre e figlio
una bocca dolce il fuoco di una chitarra
un cuore che è sbocciato per dire
che una Napoli più amara non c'è.

Ma come faccio a dire che te ne sei andato
se nel petto suona e canta muta
la febbre di questa malattia indiavolata
che prende in giro ogni istante la mala sorte?

Sei stato con questo cielo luna e stella
una vela che ha affrontato il brutto tempo
una vita consumata a trovare serenità
e Napoli ti attende per stare insieme come due amici.

Ma come posso scrivere due stupidaggini
se il tempo ha portato via il migliore amico
ed io che sono cresciuto insieme alle sue canzoni
mi inchiodo a questa smania sempre in croce?

Sei stato veramente qualcosa di fantastico e di fatato
il giorno più consistente di una settimana
ed ora che la verità apre la sua porta
tu puoi trovare finalmente la libertà.

Peppe Cassese | Poesia pubblicata il 06/01/15 | 2872 letture| 3 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Peppe CassesePrecedente di Peppe Cassese >>
 

Nota dell'autore:

«Nella sua lingua, il ricordo di un grande di Napoli e del mondo musicale.»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

3 commenti a questa poesia:
«La leggo ora per la prima volta. bellissima ed accorata lirica per un figlio di Napoli e dell Italia tutta che ha segnato il suo ed il nostro tempo con motivi e canzoni "viscerali" e poetiche. il poeta facilitato dalla verità del suo sentire. Complimenti.»
Stello

«Al di là dell'indubbia bellezza delle quartine in endecasillabi con le quali il Cassese ha reso omaggio al grande poeta e cantante scomparso, vorrei dire (ai lettori di altre parti d'Italia) che l'autore usa benissimo un dialetto napoletano "puro e duro" (alla Raffaele Viviani, per intenderci), difficile anche per parecchi Napoletani stessi (abituati ormai a una sua versione edulcorata, "eduardiana"): io vivo in provincia di Napoli dalla nascita, ma confesso che ho dovuto consultare un paio di vocabolarietti per interpretare bene sette o otto parole. Il mio conterraneo, se mettesse qualche nota esplicativa, penso che la maggior parte dei suoi lettori lo ringrazierebbe!»
Antonio Terracciano

   «La dolcezza di questi versi è innegabile... la musicalità della lingua napoletana riesce a catturare e riesce meglio ad esprimere tutte quelle emozioni e quelle sensazioni che ha voluto trasmettere l'Autore per un grande Artista scomparso...
Il Cassese ormai ci sta abituando a deliziarci nell'ascoltare i suoni della sua lingua... che tanto ama e che tanto ha voluto approfondire l'apprendimento della sua difficile scrittura...
Molto apprezzata...»
Antonio Biancolillo


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Peppe Cassese ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 29 poesie

La prima poesia pubblicata:
 E stu core mio (E questo cuore mio) (01/08/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 Madame Plaisir (09/10/17)

Una proposta:
 Qualcosa non torna (23/01/17)

La poesia più letta:
 Simmo tutte figlie 'e Napule (Siamo tutti figli di Napoli) (06/09/13, 3760 letture)

  


Peppe Cassese

Peppe Cassese

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Peppe Cassese Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info