Poesie scelte da Scrivere.info

'E sorde (I soldi)

Peppe Cassese

Dialettali

" 'E sorde songo 'a meglia cumpagnia...
songo 'o chiavino c'arape tutte 'e porte! "
scramaje 'o cchiù riccone 'nnante 'a morte,
credennese 'e puterla 'ntravuglià
cu na montagna ‘e sorde a fa schiattà.

'A morte se facette na risata
e cu na voce arza ma 'ntunata
'o rispunnette propio 'a galantommo:
" Pe' sorde t'è scurdato ca si ommo,
'a dignità l'he miso int'e cazette...
Pe' sorde tu sì stato na ninette!
T'abbuffato, t'a dato e t'a vennuto
e a faccia 'e l'ate tu te si regnuto...
Cu 'e sorde t'agguazzato tutta 'a vita
ma 'a sottoscritta nun t'a può accattà!

Io porto 'e cunte e so' na brutta zita...
Songo cecata, sorda e 'nchiavecona...
Io 'nchiudo ‘e porte e arapo uno purtone,
e comme trase ccà te faie cravone!

Può pure trasfurmà chello ca tuocche...
Sarrà tutt'oro ma appiso a chiste cruocche
ce truove 'a meglia gente ca int'a niente
comme m'a vaso torna a fa 'a pezzente!"

Traduzione

“I soldi sono la migliore compagnia
sono la chiave che apre tutte le porte.”
gridò il più ricco davanti alla morte
credendo di potersela comprare
con una montagna d'oro da far scoppiare.

La morte si fece una risata
e con una voce bruciata ma intonata
gli rispose da persona per bene:
“ Per i soldi hai scordato che sei uomo
la dignità l’hai messa sotto i piedi
per loro tu hai fatto la sgualdrina!
Ti sei ingrassato, ti sei concesso e ti sei venduto
e alle spalle degli altri tu hai goduto...
Con i soldi ti sei sistemato tutta la vita
ma la sottoscritta non la puoi prendere.

Io presento i conti e sono una brutta zitella...
Sono cieca, sorda e zoccolona...
Io chiudo le porte ed apro un solo portone
e come entri qui ti fai carbone.

Puoi anche trasformare quello che tocchi...
Potrà diventare tutto oro
ma appesa a questi chiodi
tu trovi i migliori che in un niente
come li bacio tornano pezzenti.

Peppe Cassese | Poesia pubblicata il 22/10/14 | 2423 letture

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Peppe CassesePrecedente di Peppe Cassese >>
 

Nota dell'autore:

«Questa poesia fa parte della mia riserva speciale. In lingua napoletana si racconta come la morte è l'unica ricchezza certa della vita.»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Peppe Cassese ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 28 poesie

La prima poesia pubblicata:
 E stu core mio (E questo cuore mio) (01/08/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 Madame Plaisir (09/10/17)

Una proposta:
 Qualcosa non torna (23/01/17)

La poesia più letta:
 Simmo tutte figlie 'e Napule (Siamo tutti figli di Napoli) (06/09/13, 3757 letture)

  


Peppe Cassese

Peppe Cassese

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Peppe Cassese Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info