Poesie scelte da Scrivere.info

Le vite degli altri

Antonella Garzonio

Introspezione

Le vite degli altri trafitte da spade di cristallo.
Castelli di sabbia su astratti arenili
che l'onda del mare porta via.
Tele intrecciate con abile maestria
da grossi ragni
in costante attesa della preda.
Le vite degli altri hanno più sale.
Mani che brancolano nel buio,
sempre pronte a scagliare la prima pietra,
grida sussurrate a mezza voce
che pesano come macigni.
Io non conosco le vite degli altri,
ascolto con gli occhi
e parlo col cuore.

Antonella Garzonio | Poesia pubblicata il 17/10/14 | 1833 letture| 10 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Antonella GarzonioPrecedente di Antonella Garzonio >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

10 commenti a questa poesia:
«Non potremo mai conoscere le vite degli altri come gli altri non potranno mai conoscere le nostre. E' un mancato scambio dovuto in primis a diffidenza, a paura di farsi conoscere ed in secundis alla consapevolezza che non esiste nessuno capace di poter capire ciò che è la nostra vita. Tutto ciò, generalizzando ancora, è dovuto a mancanza di fiducia in sè, ma prima negli altri e poi, cosa più importante, nella mancanza di sincerità nei rapporti interpersonali.
Poesia che fa molto riflettere.»
Azar Rudif

«Siamo tutti gli altri per gli altri, scusa il gioco di parole... a volte si è portati a giudicare, l'importante è farlo senza cattiveria. Pensare a cosa avremmo fatto noi al posto di chi stiamo giudicando, appunto, siamo esseri umani, imperfetti.»


«Le vite degli altri, sono enigma per noi, e così deve essere, ognuno ha la propria da seguire e fa bene a seguire la propria, senza spezzare cristalli e infliggere coltelli a quelle altrui. Verseggia bene l'autrice, sono d'accordo col suo poetare. Una lirica che ho molto apprezzato!»


«ascoltare con gli occhi e parlare col cuore... sono i versi che più mi hanno colpito e che condivido pienamente... Poesia scorrevole e profonda»
Giacomo Scimonelli

«Delle vite degli altri non si sa nulla, ma ugualmente vengono sottoposte a maldicenze creando "castelli di sabbia ", che solo il tempo porta via. Come ben versifica la poetessa nella convincente chiusa è giusto ascoltare e parlare con il cuore... ma buona parte dell'umanità adora parlare della vita altrui, forse perché la propria è vuota e senza contenuti.
Versi compatti e scorrevoli da cui si evince una profonda sensibilità ed una disamina dell'interiorità umana. Un costrutto molto apprezzato che dà spunti per una proficua riflessione. Complimenti!»
Anna Di Principe

   «Un introspezione poetica forte che è anche stimolo a profonda riflessione.
Dietro le parole avverto il desiderio di vedere un’altra umanità mentre
le metafore cadono quasi con impotente rabbia.
Mettere a nudo l’ipocrisia della gente aiuta a migliorarsi,
a specchiarsi, a crescere, a cercare il bene dove sembra
proprio non ve ne sia. Testo che sa coinvolgere la coscienza
nella sue crude verità. In un altro giudizio leggo:
“ la verità di essere ci sembra più vicina (seppur non serva)
quando si riesce a comprendere i propri simili e non averne paura.”»
lucio lucentini

«in fondo le vite degli altri sono per gli altri, la nostra è sempre differente nel bene e nel male ed in fondo credo che sia giusto lo sia, apprezzatissima poesia»


«Il non giudizio è sempre la cosa più bella, perché l'anima ti parla attraverso il cuore, sei cosciente della verità! Molto bella Laksmi, complimenti»
ChristianMatFra

«Trovo nel testo stupendo il confrontare la propria vita con quella degli altri, sconosciuta a volte amata a volte intensa.
Degli altri acquisiamo e mozioni e regaliamo quello che di noi e più caro.
Non occorre però avete mai travisato con l inganno il nostro
E l altrui sentire. Come sempre più di sempre i tuoi testi riflessivi incantano. con il cuore.»
Eolo

«Le vite degli altri sono tele che non c'è dato comprendere eppure possono dare visioni come in questi versi, mani che cercano di afferrarci al buio o di colpirci con pietre... interessante nel suo dire, ne ho apprezzato la lettura!»
Lina Sirianni


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Antonella Garzonio ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 15 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Malinconia (07/08/14)

L'ultima poesia pubblicata:
 Tattoo (29/01/18)

Una proposta:
 L’estate dei fiori recisi (01/08/16)

La poesia più letta:
 In un’altra vita (14/02/15, 3195 letture)

  


Antonella Garzonio

Antonella Garzonio

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Antonella Garzonio Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info