Poesie scelte da Scrivere.info

Tantu duluri

Giovanni Licata

Dialettali

Quannu a lu munnu,
l'omu nasci,
cu pumu beddu lu diavulu
u firmamentu fici trimari
iddi pù fatu, u vonziru mangiari.
Ogni omu d'allura,
cu stentu e paura,
nni sta vita,
ava prigari.
Cu li mani nghiappati,
di li sudura
l’amuri nnu duna
paci di li dulura.
Arrunghiatu la notti,
nnu puo' ripusari
ne sonnu pigliari,
pinsannu chi fari,
dda terra,
arsa du suduri.
Nu duna nenti,
senza lu Signuri.
Sugnu fastidiatu,
intra lu finistruni,
vidennu ddi terri
tutti abbannunati,
perdu la paci,
e mi manciu li mani,
rizzettu nun possu aviri.
Siddru passassi
L'angilu Gabrieli,
ci nni dicissi tanti,
pi stu rancuri.
Nu ci trasemu
nandri nu stu duluri.
Semu li figli,
di chissa svintura,
lu fangu mezzu
stu mali, ncuranti
mentri nni ddu logu,
cù "juri e ghirlanti."

Giovanni Licata | Poesia pubblicata il 14/06/14 | 2157 letture| 1 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giovanni LicataPrecedente di Giovanni Licata >>
 

Nota dell'autore:

«Poesia partecipata al concorso di Bagheria 2014, la Sicilia abbandonata nel suo degrado, con la disoccupazione alle stelle, I giovani lasciano la loro terra per emigrare. L'abbandono e le sterpaglia, addolorano in cuore.»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

1 commenti a questa poesia:
«Hai ragione Poeta, anche a me duole il cuore nel constatare che la nostra bella terra, viene abbandonata dai suoi figli migliori. Oggi, come ieri, i paesi e le città di Sicilia si spopolano, tutto viene abbandonato perché il lavoro manca., Sembra una maledizione, ma oggi l'emigrazione è diversa, sono i giovani laureati ad andarsene, vanno via con consapevolezza ma con un po' di tristezza e nostalgia per il nostro cielo di cobalto e per il mare azzurro. Vorrei fare un appello ai politici locali affinché varino delle leggi che creino occupazione per fermare questa emorragia di giovani...»
Sara Acireale

  
Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Giovanni Licata ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 14 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Melodico canto (30/07/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 A Vucciria (04/02/17)

Una proposta:
 Natale (26/12/15)

La poesia più letta:
 Ardore (14/08/13, 3712 letture)

  


Giovanni Licata

Giovanni Licata

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giovanni Licata Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info