Poesie scelte da Scrivere.info

Quando muore un artista

Antonio Terracciano

Morte

Quando muore un artista, non la tomba
gli servirà per esser ricordato:
la voce rimarrà, sua, che rimbomba
nelle opere d’arte che ha creato.

Si disperdano pure sopra l’onda
le ceneri del corpo ormai bruciato:
resterà la sua fama, assai profonda,
se noi vediamo ciò che ci ha lasciato.

Quello che vale, quello che più conta
non è loculo tetro ed appartato,
ma la gioia che cresce, sale, monta,
dopo che lo si è letto od ascoltato.

Antonio Terracciano | Poesia pubblicata il 11/01/14 | 3655 letture| 6 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano >>
 

Nota dell'autore:

«Ai grandi scrittori, poeti, attori, musicisti, cantanti, ecc. (E forse è questa la principale differenza tra loro e gli uomini comuni come noi.)»

 

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

6 commenti a questa poesia:
«riflessione veritiera in versi ottimamente stilati sia per quanto concerne la metrica che il suono... ed è ancor più apprezzabile l'opera poiché esprimere così bene il pensiero nonostante le "limitazioni" imposte dal dover scegliere le parole giuste per ottenere le rime... non è da tutti.
Complimenti davvero»
Duilio Martino

«La bellezza dell'arte, di ogni genere, è questa: lasciare una traccia del suo passaggio, che si chiama, appunto, immortalità.»
Antonella Modaffari Bartoli

«L'anno appena trascorso ha visto una moria di artisti grandi e meno grandi, persino ieri lorella de luca come ultima. sono significative i tuoi versi è doloroso ma le loro opere vanno oltre la loro morte sono d'accordo con il fratello in poesia Antonio Terracciano.»
Pino Penny

   «Per chi si disperde per sempre
il ricordo suo nel cristallo adorato
venerato e persino amato
Per chi si ritrova come Tolstoj
sul letto di morte e poter dire
"Io non posso morire
perché io compongo sempre per sempre
vita sempre (Resurrezione)
Limpido il tuo scrivere.»


«Una lirica che oltre alla sua tecnica ben rimata esalta le opere dei grandi che resteranno immoltalate nei secoli. La morte fine a se stessa non può fermare la fantasia degli artisti che lasciano in eredità al mondo intero, la loro arte condensata di pura fantasia. Versi che attestano un verità assoluta, vedasi Dante, Chopin, Mandela ecc. i loro esempi resteranno immortalati nella storia. Bravo l'autore ad onorare la memoria di coloro che ci hanno preceduto lasciandoci un tesoro di grande valore.»
sergio garbellini

«Vero il testo e scritto con maestria e tecnica.
L'uomo lascia in eredità l'amore che ha ispirato in vita, l'artista
lascia le sue opere e, quando è grande, una fama imperitura.
E saper suscitare un sorriso, una lacrima, una riflessione,
un sobbalzo dell'anima.»
poeta per te zaza


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Antonio Terracciano ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 55 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Nel battere di ciglia (05/05/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Salvataggio di una poesia (02/07/16)

Una proposta:
 Rosa (29/05/16)

La poesia più letta:
 Sexy (25/10/09, 15696 letture)

  


Antonio Terracciano

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Antonio Terracciano Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info