Poesie scelte da Scrivere.info

Ho visto Gesù Cristo

sergio garbellini

Impressioni

Non mi credete? Giuro che l'ho visto!
Aveva il saio ed un contegno fiero,
solenne, ed era proprio Gesù Cristo,
...ma voi non ritenete che sia vero!

...In piedi, nella loggia di Nerone,
guardava, tristemente, verso il basso,
gli scavi del maestoso Colosseo,
cercando, tra quei ruderi di storia,
il sangue, immortalato, dei cristiani.

D'un tratto, si girò, si avviò all'uscita
e si diresse verso il Vaticano.
Al centro della Piazza di San Pietro,
girò lo sguardo in alto, verso destra,
fissando la finestra pontificia,
le statue dei Santi e l'Obelisco.

Salì sul gran sacrato della Chiesa,
entrò deciso nel Divino Tempio
e si fermò dinanzi al Grande Altare.
Chinò la testa, stette un po' in silenzio
e, quindi, si diresse a passo svelto
nel luogo riservato all'ascensore
che porta sulla cupola famosa.

Mi son precipitato per seguirLo,
correndo all'impazzata per la scala,
finché mi ritrovai sulla terrazza.
Girai lo sguardo intorno per cercarLo,
purtroppo, constatai ch'era scomparso!
Provai persino a chiedere ai turisti
se avessero notato il Redentore.
...Nessuno aveva visto Gesù Cristo!

Allora alzai lo sguardo verso il Cielo
e vidi, ... con grandissimo stupore,
il volto ... sorridente ... del Signore!
.

sergio garbellini | Poesia pubblicata il 30/03/13 | 2615 letture| 2 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di sergio garbelliniPrecedente di sergio garbellini >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

2 commenti a questa poesia:
«Porta, Gesù, ai bei Ciel, Sue pecorelle:
donarono mitezza, latte e lana;
ebbero fede in la Sua scia diafana
di Verità, Che illumina le stelle.»
Vaibhava das Vito Parisi

   «MI PERMETTO DI PORRE LA MIA OPINIONE... ALTAMENTE SOLO PERSONALE.
QUESTA POESIA SARà ANCHE----- UN'IMPRESSIONE----- DEL POETA,
-------MA GESù SI SENTE NELL'ANIMA E NEL CUORE, NON SI VEDE IN GIRO-------
se la poesia fosse stata posta sotto comicità o satira, ancora ancora...
NON ME NE VOGLIA L'AUTORE... (il primo interogativo della prima riga) è LA COSA PIù ADEGUATA.»
rita damonte


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
sergio garbellini ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 21 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Chiedo scusa a mia madre (21/02/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 Considerazioni rispettose sulla vita (28/01/18)

Una proposta:
 I QUATTRO CAVALIERI dell'APOCALISSE (03/01/15)

La poesia più letta:
 "Regàlami una favola d'amore! " (16/03/13, 7429 letture)

  


sergio garbellini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

sergio garbellini Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info