Poesie scelte da Scrivere.info

Pescatori di sogni perduti

Pierangela Fleri

Amore

Avevo sogni
colorati come petali
barattati per un pugno di parole
ti avessi avuto...

Ma ho consumato suole stando ferma
con le spalle cadute
sorrette da drappi scuciti senza rammendo

Dove aspettavi una carezza
il vento schiaffeggiava

e queste iridi senza più diottrie
specchiano al fiume
riflessi di immagini mai catturate,
dimenticate...

Solo pescatori di sogni
nel nulla di un'inciampo senza appiglio

Quel che resta
è il ricordo di quel che sarà
cercando ancora i carri a sera
in un cielo spento dai silenzi
perché il lume
ha un'altra stanza senza buio

Pierangela Fleri | Poesia pubblicata il 24/03/13 | 7501 letture| 12 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Pierangela FleriPrecedente di Pierangela Fleri >>
 

Nota dell'autore:

«Immagine del meraviglioso dipinto del Maestro Giuseppe Faraone»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


12 commenti a questa poesia:
«Perle di una meravigliosa collana le liriche della nostra poetessa, malinconiche e dolci, penetrano il cuore del lettore con la suggestione di preziose immagini, che creano un quadro di pregevole fattura. Bellissima»
maria cavallaro

«Il fiume è lo specchio immobile di tutti i sogni andati a fondo, che alcune anime si sforzano di recuperare, non rassegnandosi ad una vita senza amore. Bellissima lirica, accompagnata da uno splendido dipinto.»


«Immagini poetiche malinconicamente bellissime... in questi versi che arrivano dritte al cuore del lettore. Corredate, musicalmente, dall'opera 9 n°2 di Chopin che, fra i suoi notturni, è il mio preferito.»
Anna Maria Scamarda

«Stemperato è il dolore tra questi versi, tanto è bella e malinconica questa poesia, dalle ali spezzate, dal ricordo ornato da gocce di lacrime."Avevo sogni colorati, scrive l'autrice, perché i sogni sono come fiammelle che illuminano la mente, la tristezza, sono come bambini felici che giocano indisturbati e senza domani. E si spegne man mano il sorriso quando il pensiero va a quel" ti avessi avuto",amore che mai si è materializzato veramente davanti a un aspettare inutilmente. Davanti a carezze portate via dal vento e mai fatte scivolare su un viso che anela ancora il ritorno. Ma i sogni si disperdono e l'amarezza inciampa tra le reti del nulla, dove non resta che il ricordo"in un cielo spento dai silenzi"se la luce, se quella luce non illumina.»
Rita Minniti

«intensa poesia, immensi i versi nella loro tristezza, lirica apprezzatissima»
Citarei Loretta Margherita

«Versi fortemente malinconici impreziositi da immagini suggestive, originali e coinvolgenti. Poesia molto apprezzata nella sua interezza, in più di un verso mi ci sono rispecchiata.»
Paola Vigilante

   «Accade, a volte, che i sogni si spengano anzitempo tra la cenere di fatue parole... come carezze mai conosciute resta l'ombra di quel che non è stato negli occhi... ma le stelle sapranno illuminare ancora il cielo... e il cuore!!!!!»
Antonella Scamarda

«malinconia e tristezza diventano dolcezza in poesia... versi che coinvolgono per intensità e linearità ... apprezzatissima»
Giacomo Scimonelli

«è tra le tue poesie più belle. L'amarezza di ritrovarmi in queste rime mi hanno turbato, hanno scorso sul mio cuore come un lento fiume silenzioso. Mi consola ciò che resta»
Bramante

«Parole non trovo nel vento che schiaffeggia,è muto il frastuono che mi circonda, irreale questo silenzio senza stagioni, e fra le mani sbriciolo l’aria e vesto il respiro di nuda pelle di sogni erranti che vanno alla deriva nell’immenso mare delle “immagini mai catturate, dimenticate" fissando lo sguardo ai sogni che non riescono e si rispolverano ricordi che non fanno ritorno inseguendo con gli occhi le immagini spente in una notte stellata
cercando le parole che non si sentono più.Stanchi al tramonto riposano
scomponendo mosaici senza senso e passo i miei giri di secondi scavando gallerie enormi tra le aurore e la fine di ogni notte inventando attimi da suggerire come presenza di me nel tempo di una nuova luce, pescando tra i sogni perduti.»
Antonio Biancolillo

«Il ciclo della vita si dipana, semantica scansione di versi poetici d'amore strutturati mirabilmente dalla autrice.»
Francesco Rossi

«Quegli occhi aridi di visioni di luce che nello specchio del mondo catturano solo ombre di sogni su trame sfilacciate, illusioni fagocitate dal tempo che consuma e ossida i ricordi lasciando il loro filo interrotto a mendicare lievi promesse d'amore, esili desideri sfiorati e mai vissuti ... versi che volteggiano nell'anima in modo intenso e speciale, molto apprezzati»
Giuseppe anfortas Guidolin


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Pierangela Fleri ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 27 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Domani un sogno tornerà col sole (01/09/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 Le tue mani (07/05/17)

Una proposta:
 Tu poeta (02/10/16)

La poesia più letta:
 L'altra metà del cielo (21/10/11, 10600 letture)

  


Pierangela Fleri

Pierangela Fleri

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Pierangela Fleri Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2019 Scrivere.info