Poesie scelte da Scrivere.info

Il figlio dell'amore

sergio garbellini

Amore

A Pasqua sono andato all’ospedale
a visitare la mia ex amante,
ricoverata ... per un brutto male
e l’ho trovata in stato interessante.

L’ho vista bianca, tesa ed invecchiata,
m’ha detto, a voce bassa: “Sono incinta,
la grazia, finalmente, m’è arrivata ...
ma la battaglia ... non è ancora vinta!”.

Aveva gli occhi lucidi, sapeva
di andare incontro a un pèrfido destino,
non era questo per cui s’affliggeva,
ma per la sorte di quel suo bambino!

Mi son seduto proprio accanto al letto,
ho stretto la sua mano in modo assorto
ed ho cercato, con cordiale affetto,
i darle un po’ di tenero conforto.

Non stavo più con lei da sette mesi,
perché si dimostrava un po’ gelosa.
Usava sempre toni troppo accesi ...
e m’assillava ... era assai morbosa.

Però l’ho amata tanto, in modo serio,
con lei godevo il senso dell’amore,
perché mi trasmetteva il desiderio
di vivere l’amplesso con ardore.

Le son rimasto accanto un’ora e mezza
e abbiamo rivissuto i bei momenti.
Seppure con un velo di tristezza,
ci sentivamo tutti e due contenti.

Ma proprio nel momento del saluto,
ha preso la mia mano, e, poi, m’ha detto:
“In grembo, porto un figlio che ho voluto!
Tra poco nascerà, è un bel maschietto!

Ma prima di morire, ti confesso,
e te lo giuro, qui, davanti a Dio,
che questo bimbo, nato da un amplesso,
è figlio tuo! L’ho voluto io

e per salvarlo ho fatto tante cure!
Il medico me l’ha rassicurato
che vivrà sano, senza seccature,
mentr’io, purtroppo, seguirò il mio fato!”.

Non l’ho lasciata più, fin quando gli occhi
si spensero al volere del destino ...
La casa, adesso, è piena di balocchi
e vivo ... solo per il mio bambino!

sergio garbellini | Poesia pubblicata il 02/03/13 | 2927 letture| 1 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di sergio garbelliniPrecedente di sergio garbellini >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

1 commenti a questa poesia:
«Un'emozione intensa, in crescendo, mentre gli occhi scorrono assaporando la bellezza di questi versi e il cuore veleggia in attesa della chiusa che è splendida.»
francesca maria soriani

  
Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
sergio garbellini ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 21 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Chiedo scusa a mia madre (21/02/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 Considerazioni rispettose sulla vita (28/01/18)

Una proposta:
 I QUATTRO CAVALIERI dell'APOCALISSE (03/01/15)

La poesia più letta:
 "Regàlami una favola d'amore! " (16/03/13, 7429 letture)

  


sergio garbellini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

sergio garbellini Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info