Poesie scelte da Scrivere.info

Lettera ad una madre

Caterina Zappia

Amore

Lo sai, sono ritornata sognatrice.
Ai piedi, porto calzari di pioggia,
e le musiche le rubo ai rami di ginestre
per distrarmi dalle tracce senza luce.
Trascino ricordi sulle poltrone,
in me c’è sempre una strada scura,
deserta e minacciosa come la natura dei venti
fra i teneri boschetti e gli usignoli.
In me c’è il tempo rimasto offeso
e queste mani utili al silenzio, tornano
e non danno più l’intima speranza.
C’è in me il mondo che proietta sguardi
e gli stessi ci tradiranno ancora,
però c’è anche il sole che mi recita anima
e mi insegna ad inventarmi ancora,
così torno alle pietraie per le musiche.
Ascolta: la danza degli ulivi,
l’ombra che dorme al vecchio prato,
il greto che si mangia come una mela,
il limone attorno come un soldato.
Domani ti porterò ogni cosa
in fresche gerle di salici.
Noi fili di lino abbiamo sfiorato coraggio di pane,
ci condurrà dove gli altri non sanno,
lontano, fra i miracoli delle pietre,
sui freddi telai, i lumi, i piedi nudi,
i volti, tutto dentro le trame del buio
dove germogliavano il cielo e il mare.
Con occhi bagnati d’antico
tremeranno anche i suoni delle voci volanti,
le danze nasconderanno i nostri ricordi
dentro foglie di crochi e brinderanno a sangue
per questo amore che spira come il vento
e ci consegna il grande gelo dell'inverno.

Caterina Zappia | Poesia pubblicata il 18/01/13 | 5035 letture| 5 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Caterina ZappiaPrecedente di Caterina Zappia >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

5 commenti a questa poesia:
«una intensa lettera, come fosse una confessione, una dedica all'anima, al passato che non può tornare, a ciò che si vorrebbe essere, a ciò che ancora si attende, nonostante la durezza della vita, delle cose, quelle cose che siamo noi, perché noi siamo il nostro passato, il nostro presente, ma soprattutto il bagaglio che abbiamo ereditato...»
Antonella Modaffari Bartoli

«Un'intima confessione raccontata col cuore di un'anima sensibile che ha saputo perfettamente mettere in scena un pensiero acuto e altamente riflessivo. Una poesia che si legge con la dovuta attenzione e nella quale le immagini descritte toccano profondamente l'anima. Un verseggiare attento, sentito ed estremamente significativo.»
Rita Minniti

«Quì in questa poesia l'esaltazione dell'amore fraterno, quello vero, quello che vicendevolmente si dona emerge con grande intensità. Le figure retoriche prese ad una a una divengono animate per il lettore che con attenzione legge versi che profumano di collina e salsedine. Un spaccato poetico di altissima qualità.»
Francesco Rossi

   «Con occhi bagnati di antico, tornerò
agl antichi ricordi... dentro le trame del buio.
Versi toccanti ed intensi.»
Doraforino

«C'è un tempo ed una strada scura... c'è un mondo che insegna ad inventare ancora.
Lettera e lettura profonda, densa di richiami e musica. Un contenuto forte e stilato ad arte.
Mi ha coinvolto emotivamente.
Complimenti belle metafore.»
Mariasilvia


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Caterina Zappia ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 36 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Il coraggio e la forza (29/03/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Sospesa così (10/01/18)

Una proposta:
 Settembre (20/09/16)

La poesia più letta:
 Il lamento degli ulivi (29/10/10, 7013 letture)

  


Caterina Zappia

Caterina Zappia

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Caterina Zappia Leggi la biografia di questo autore!

Ha pubblicato…

Se tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori
Pagine: 208 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686214




Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info