Poesie scelte da Scrivere.info

Aurora

Elena Poldan

Impressioni

alle soglie del mattino
alita qualcosa di strano

è la notte che scompare
come spettro fra le pene
ma ancora si trattiene
svelando il volto vero
che non tace e non dice

riccioli d’argento fregiano il mare
che inizia a danzare

incantate farfalle bianche
si dimenano fra i miei sogni
nello sciabordio familiare
mentre il sole annuncia imminente
la sua prossima sembianza
nei toni discreti
fra graduali passaggi
di colori alternati

e ancora un gatto s’aggira sornione sul viale deserto
e poi salta sopra un tetto
e già un uomo riprende il suo affanno quotidiano
con la rassegnazione fra le mani
e ancora pescherecci sostano lontano

è magico
il confine indefinito
tra la notte e il giorno
quando le tenebre sbiadiscono
e la luce è passo incerto

preziosa la mia Solitudine
s’incatena nell’incanto sospeso
del giorno non ancora affiorato

Tutto avvolge
Tutto è carezza
Tutto è amico
Tutto racconta
Tutto abbraccia
nel legame ancestrale

quando ancora il giorno s’attarda
alle soglie del sole
e una forza misteriosa mi trascorre
e mi avverto sorella figlia
e compagna
di Tutto ciò che mi circonda

divengo aquila
nuvola e foglia
particella d’un cosmo
adagiata su un universo infinito

è una vertigine
una sete che fa male quando il Sole
impugna il suo scettro splendente

è la mia nostalgia di me
che rimane
e poi si disperde fra le spire
di un lento
lentissimo peregrinare

Elena Poldan | Poesia pubblicata il 17/09/12 | 3841 letture| 9 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Elena PoldanPrecedente di Elena Poldan >>
 

Nota dell'autore:

«... una magia che si ripete ad ogni mio nuovo giorno...»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


9 commenti a questa poesia:
«Parole che dipingono un quadro d’autore. Versi di rara bellezza. Elogio di cuore»
Giuseppe Mauro Maschiella

«il passaggio di testimone tra la notte ed il giorno... momenti interminabili in quell'attimo che separa il buio dalla luce... impressioni ben verseggiate con un cuore ed un'anima che sa leggere ogni sfumatura e sensazione che vive intorno... e dentro... apprezzatissima»
Giacomo Scimonelli

«La malinconia che si staglia nell'orizzonte di una lirica che dipinge un quadretto di fascino ed eleganza. Immagini che tessono come pennelli sulla tela degli occhi di chi legge. Bellissima.»
Miriam Badiani

«Una poderosa lirica che coglie tutte le sfumature dell'albore... quel "tratto" di vita giornaliera in cui si inizia a focalizzare il giorno che ci aspetta.
Luci ed ombre magiche che mi hanno sempre affascinato!
Splendida!»
Duilio Martino

«E' Poesia quando ti rapisce l'anima e la senti ondeggiare tra i suoi flutti incantati...è Poesia quando le emozioni ti trapassano il cuore e lo senti battere all'unisono con il palpitare delle immagini fra le rime...
Bella... bello ciò che trasmette... proprio magico!!!!»
Antonella Scamarda

   «L'armonia delle parole, e dei tuoi intenti di mirabile conoscenza in un animo tuo di sereno divenire! Bellissima.»
Giuliano leandro loy

«un incantevole impressione
sul finir della notte, dove il confine del giorno con il buio si confonde,
e confonde anche l'anima, si perde tra le ombre incantate
bella e suggestiva»
EnzoL

«Suggestiona il tuo poetare come il mare quando mette il vestito della festa, tra i marosi e la salsedine che invade i polmoni. Incalzante il ritmo e di spessore la trama. Grande prova.»


«Una descrizione pittorica di gran pregio. Si leggono in versi, ma si ammirano come un paesaggio colorato nell'aria sospesa dell'alba e del tempo che lentamente riparte col sole.
Da una visuale così ampia, i versi diventano più intimi disegnando un paesaggio personale dove l'autrice si sente un tutt'uno con il Tutto.
Il resto è normale vita quotidiana che rimane una nullità di fronte al precedente sentire.
Nei versi una non comune forza espressiva capace di trassmettere immagini vive»
Azar Rudif


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Elena Poldan ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 41 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Prigione (28/07/06)

L'ultima poesia pubblicata:
 Solipsismo (21/05/17)

Una proposta:
 Il mio lago (03/01/17)

La poesia più letta:
 Clessidra (31/03/07, 5587 letture)

  


Elena Poldan

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha un blog…

Leggi il blog personale di questo autore!

Ha una biografia…

Elena Poldan Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info