Poesie scelte da Scrivere.info

Alla Neruda? No, grazie

Antonio Terracciano

Satira

Potrei fare dei versi alla Neruda,
e tutto il gentil sesso compiacere,
fingendo di mostrar anima nuda,
simulando l’amore ed il piacere.

Trattato come lui, come rockstar,
da schiere di fanciulle assai adoranti
sarei, se mi mettessi un poco a far
la pubblica lettura dei miei canti

(anche se pure io certo non brillo
per la bellezza fisica, adulato
sarei da donne oneste e dalle squillo,
dopo avere un sonetto declamato) .

Però purtroppo no, non sono nato
con l’intenzione, come lui, di fare
carriera dentro il mondo assai fatato
incentrato sul limpido poetare

(alla poesia io sono giunto dopo
aver sperimentato fallimenti,
e quest’arte la vedo come scopo
verso cui indirizzare i miei tormenti) .

Lascio a Neruda i versi fascinosi,
che il castigliano rende più suadenti;
rimango con i miei, meno sontuosi,
che soddisfare sanno poche menti.

Antonio Terracciano | Poesia pubblicata il 29/05/12 | 3731 letture| 3 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano >>
 

Nota dell'autore:

«Ho bonariamente dissacrato Montale e Prévert; permettetemi di farlo -sempre simpaticamente, s’intende- anche con Pablo Neruda, un altro mostro sacro della poesia moderna!
Delucidazioni.
Prima strofa: erano sempre sinceri i sentimenti espressi dal poeta?
Seconda strofa: Neruda era solito fare affollate letture pubbliche delle sue poesie.
Terza strofa: il poeta era piuttosto corpulento.
Quarta strofa: fin da giovincello Neruda si era proposto di diventare poeta.
»

 

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

3 commenti a questa poesia:
«Mi è venuta la curiosità di leggere qualcosa di tuo e devo dire che ora capisco come mai apprezzi il mio "poetare": anche tu sei nel giocare d'ironia e questa poesia ne è la prova. Complimentissimi, davvero efficace nel rubare un sorriso»
adriana sini

«non hai bisogno di fare poesie alla neruda, le tue liriche sono già stupende così, come questa, dissacrante e ironica scritta con grande maestria e abilità. magistrale!»


   «beh Neruda non penso che scrivesse per ottenere il successo, perseguitato politico è stato accolto in vari paesi, penso che le conseguenze storiche e tragiche del Cile, l'abbiano aiutato a farsi conoscere come voce di libertà di un paese martoriato da un regime, comunque incantevole è il suo verseggiare, come il tuo che è godibile»
Citarei Loretta Margherita


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Antonio Terracciano ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 55 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Nel battere di ciglia (05/05/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Salvataggio di una poesia (02/07/16)

Una proposta:
 Rosa (29/05/16)

La poesia più letta:
 Sexy (25/10/09, 13948 letture)

  


Antonio Terracciano

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Antonio Terracciano Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info