Poesie scelte da Scrivere.info

Il canto del libeccio

radicedi64

Donne

Non un suono.
I tuoi occhi urlano ma
il Libeccio della tua voce
ulula,
prigioniero,
nei meandri dei tuoi sotterranei.
Non una foglia è scossa sull'albero.
Stacca la lingua dal palato!
Srotolala!
Non è un involtino primavera
quello che ostruisce la tua gola di geisha.
E' il codice di Hammurabi!
E' la stele di Rosetta!
E' la tua dichiarazione d'Indipendenza!
La Carta Costituzionale!
La tua Bandiera!!
Srotolala
e lascia che sventoli,
furiosa,
sferzata dalla Rosa dei tuoi Venti!!
Sicura,
non ti volerà via
saldamente ancorata alla tua anima calda,
naturale prosecuzione del tuo intestino,
del tuo stomaco,
del tuo cuore,
del tuo esofago...
del tuo canto.

radicedi64 | Poesia pubblicata il 02/03/11 | 4750 letture| 5 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di radicedi64Precedente di radicedi64 >>
 

Nota dell'autore:

«per te,
piccola, grande meraviglia di donna.
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

5 commenti a questa poesia:
«, roba da brividi! Bella la poesia in ogni verso (anche "srotolala", ch'è terribile, mi si è arrotolata la lingua a me!) tutta condivisa. Bravisssima»


«Un inno alla donna scritto con grande stile.
Opera apprezzata.»
Cinzia Gargiulo

«Incalzante forte, storica e mitologica ...la Donna, effervescente, magnifica e... semplicemente Donna! Una lirica magnifica, complimenti!»
Giorgio Dello

   «Tra storia, mitologia, fantasia e desiderio d'esortazione hai scritto una poesia con profondi concetti
Bella poesia che mi è piaciuta tanto, tanto»
Rosy Marchettini

«Millenni di silenzi, nelle stanze più nascoste di ogni casa ci hanno abituate a pensare ed agire, sempre di riporto. Guidando, comandando talvolta, suggerendo ai nostri uomini che si sono fatti gloria e vanto della nostra intelligenza, delle nostre intuizioni e della profonda conoscenza della vita. Sentita di pancia, con il sentimento più che con la testa. Spesso non abbiamo potuto parlare, incatenate, bruciate, ricoperte da un velo. Eppure siamo sopravvissute, e tante, sempre di più, forte e chiaro facciamo sentire la nostra voce. Esistiamo, pensiamo, costruiamo, sbagliamo, ci prendiamo la responsabilità delle nostre azioni. DONNE. ieri, oggi, domani e... non siamo sedute sulla nostra ricchezza. Quella è più in alto all'altezza del cuore!»
Annamaria Barone


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
radicedi64 ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 16 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Destino inverso (13/12/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Ad occhi aperti (28/09/17)

Una proposta:
 Libecciata (22/01/15)

La poesia più letta:
 Voglia (20/12/10, 7891 letture)

  


radicedi64

radicedi64

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

radicedi64 Leggi la biografia di questo autore!

Ha pubblicato…

Anime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere
Pagine: 132 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686061


Se tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori
Pagine: 208 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686214




Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2019 Scrivere.info