Poesie scelte da Scrivere.info

27 gennaio 1901: la morte del Cigno di Busseto

Massimiliano Zaino

Morte

Cosparso di paglia l'attiguo viale
dai ligi e rispettosi Milanesi,
nella quiete giungea l'ora fatale
dell'uom che tanti pensier fè palesi
e tanti desii all'italiche genti
che' l vider dirigere l'opre belle
e comporre i soni rattor di menti
ch'anco brillano in cielo tra le stelle.
Ottuagenario e ricolmo d'allori
sepper i popoli dell'orbe intiero
che Verdi, cantor di duoli e d'Amori,
tramontando stava sul manto nero
della scheletrica e cruda Signora
che già tanti eroi delle sue tragende
trascinò ad una ria tomba ch'ignora
la pietà per chi nella vita scende.
Dalla vegliarda malattia consunto
spirò infatti il musico di Busseto
che da anni alla Gloria si fè congiunto
l'ale librando da contadin ceto.
Veggo anch'io il suo rustico e rude ciglio
già chiudersi nell'estremo riposo...
nell'eterna requie che ad ogni figlio
ricongiunse il suo spirto generoso,
e il dolce core alle donne compiante
che in tempi diversi fur mogli care
alle quali la malattia baldante
non risparmiò sofferenze amare.
Veggo e canto la veglia morte fiera
d'un glorioso che tanto qui sofferse,
e che per voler della tisi altera
sulla prole tante lagrime terse
nell'istante istesso nel quale il Fato,
assecondato dal tragico conte,
un grande sentier gli fè dispiegato
e di pia Gloria gli segnò la fronte.
Laudo il Recordo d'un pio intellettuale
che, nel nome dell'Italia gemente
e dell'Umanità il cui smorto strale
repente si lamentava dolente,
al canto rese eroi, popoli e oppressi
che strenui pugnavan contra i tiranni
e contra i tanti detti mai sommessi
ne' quali ancor s'ascondono gl'inganni.
Erede di Gioacchino e di Gaetano,
desto e scaltro figliuolo di Bellini,
Verdi del sono divenne un sovrano
dalle genialità assai sopraffini;
e tosto corse a pugnare l'azzardo
che, foriero d'Odio piucché d'Amore,
volle e desiò il germanico Riccardo
nel tristo cor d'un nazional furore.
Fedele al Nume della Tolleranza,
ligio dinnanzi al penar de' pezzenti,
degli Israeliti cantò la Speranza
che s'involò dagli Assiri furenti;
e palesò Passioni singolari
tra una dama crociata e un Saraceno...
tra una schiava lontana dai Lari
e un duce egizio baldante e sereno.
Di Boccanegra illustrò la vicenda,
e nell'impeto d'una Giustizia
che produsse una straziante tragenda,
molto cantò la veneta nequizia;
poi volle farci capire e perdonar
la cortigiana, il luteran pastore,
il moro che il ben suo seppe soffocar,
l'Indio additato quale seduttore,
il paterno buffone, il masnadiero,
l'ispano prence, il siculo assassino,
la pia guerriera, l'anglo cavaliero,
e l'etiope nero, atroce e meschino.
Però è sempre così l'umana sorte:
anche il buon Genio cade nella morte.

Massimiliano Zaino | Poesia pubblicata il 23/01/10 | 2963 letture| 4 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Massimiliano ZainoPrecedente di Massimiliano Zaino >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

4 commenti a questa poesia:
«Superba e straordinaria lirica
Attraverso questi versi sono stata trasportata in quel di Milano ho assistito al funerale del grande artista, ho sognato e pianto
Applausi e mille fiocchi rossi
Immensamente piaciuta ed apprezzata»
Rosy Marchettini

«bellissima poesia che sa d'altri tempi il suo linguaggio, piaciuta molto»
Chiaraluna FiorellaGiovannelli

   «Chiusa splendida per una poesia che sa di classico, riversata su uno spartito altamente musicale e lirico, così come s'ha da fare nella commemorazione di un genio assoluto della musica. Composizione colta e pregevole, mi appare d'alto livello intellettuale. Assai apprezzata.»
Gianni Marras

«Sono scivolata nel passato della mia città, Milano, per partecipare a questi funerali che tu hai raccontato con tanta eleganza e mi hanno commossa i tuoi versi così appassionati per descrivere non solo "un musicista", ma la Musica! Grazie, per il regalo che hai voluto condividere con noi!»
Nemesis Marina Perozzi


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Massimiliano Zaino ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 33 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Il Cigno e l'Aquila (19/10/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Incubo e Sogno (10/01/18)

Una proposta:
 A una Sentinella (18/01/17)

La poesia più letta:
 Sogno gotico d'Amore foriero d'Ingiuria al Sognare (15/01/10, 6857 letture)

  


Massimiliano Zaino

Massimiliano Zaino

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha un blog…

Leggi il blog personale di questo autore!

Ha una biografia…

Massimiliano Zaino Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info